Vicenza, amministratori in visita al Teatro Comunale

Amministratori comunali di Vicenza hanno visitato ieri il Teatro Comunale per conoscerne più a fondo le dinamiche organizzative e logistiche. Si trattava di una delegazione della Quarta commissione consiliare del comune, che si occupa di attività culturali e sviluppo economico ed è presieduta da Ennio Tosetto. Gli amministratori pubblici sono stati ricevuti dal segretario generale  della Fondazione Teatro Comunale di Vicenza, Pier Giacomo Cirella. Assieme a tosetto c’erano i consiglieri comunali Roberto Cattaneo, Valentina Dovigo, Dino Nani, Sandro Pupillo, Tommaso Ruggeri, Liliana Zaltron.

“Hanno visitato la struttura – spiega una nota del Teatro -, le sale, il backstage, l’area operativa e i nuovi spazi che saranno presto a disposizione del pubblico e delle realtà che scelgono il teatro come sede dei loro eventi. Dopo la visita, la delegazione si è intrattenuta negli uffici della Fondazione con lo staff, per conoscere persone, ruoli e funzioni che rendono operativa la macchina del teatro. Il segretario generale ha illustrato i dati generali sull’attività, dati economici e contributi dei vari soci, costi della struttura e del personale, i giorni di occupazione e le attività collaterali. Nell’incontro sono state affrontate anche le modalità operative per costruire l’offerta di spettacolo dal vivo, ovvero le diverse proposte artistiche che il Comunale propone al suo pubblico”.

“A conclusione dell’incontro – si legge in chiusura della nota – sono giunti i ringraziamenti, dal Teatro Comunale alla Commissione Consiliare e ovviamente al Comune di Vicenza, socio fondatore della Fondazione, per l’attenzione dimostrata con questa visita e per il sostegno costante alle attività. Dai rappresentanti della Quarta commissione consiliare presenti, il plauso ed il grazie sono andati al personale, per l’attività svolta ed i risultati, e soprattutto al presidente della Fondazione, Flavio Albanese, per il decisivo contributo nel raggiungimento di importanti obiettivi di miglioramento”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *