Sanità, Zaia: Cantone dice bene su sprechi e corruzione

“Condivido in pieno l’analisi di Raffaele Cantone sulla gravità degli sprechi e della corruzione nella sanità italiana che causano miliardi di spesa malefica. La condivido al punto che chiedo all’Anac di sperimentare in Veneto nuove forme di controllo della spesa e della legalità da poter affiancare a quelle che già applichiamo con il massimo vigore e rigore possibile”.

Luca Zaia
Luca Zaia

Con queste parole il presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, si unisce alle considerazioni del presidente dell’Autorità nazionale anticorruzione in materia di spesa sanitaria e avanza una proposta per sperimentare in Veneto metodi ancora più incisivi per combattere la malagestione e gli sprechi nella sanità italiana. “Una gestione corretta e attenta dei fondi – ha aggiunto Zaia – comprende anche un’affermazione di moralità, che va sostenuta con ogni sforzo. Quando, ad esempio, saranno applicati in tutto e per tutto i costi standard sarà stato fatto un grande passo avanti, perché quando una siringa o una Tac costeranno la stessa cifra in tutta Italia, voglio vedere come riuscirà il malaffare a farsi spazio”.

“Con Cantone – conclude il presidente della Regione – condivido anche l’allarme sulle liste d’attesa, verso le quali chiedo dal primo giorno attenzione maniacale ai nostri manager. Imbrogli o corruzione in questo settore sono tra i più odiosi oltre che tra i più gravi. In Veneto applichiamo la linea dura: si controlla con il massimo rigore possibile e, nei casi che sono stati scoperti, con i responsabili si è applicata la tolleranza zero”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *