Breaking News

Popolare di Vicenza, chiusa l’Offerta. Atlante al 90%

Si è chiusa oggi, alle 13, l’offerta di azioni di Banca Popolare di Vicenza per l’aumento di capitale, e non si può dire che il risultato sia entusiasmante. Sono state infatti sottoscritte poco più dell’8% delle azioni, il che vuol dire che il resto del capitale, oltre il 90%, sarò sulle spalle del fondo Atlante. Per quanto riguarda quell’8% di azioni collocate, sono state sottoscritte, come riferisce l’agenzia Ansa, dai soci della banca che hanno seguito l’aumento (oltre cinquemila azionisti pari al 2,5% del capitale)  mentre agli investitori istituzionali andrà circa il 6,5% della banca.

Ci si chiede adesso cosa deciderà, lunedì, Borsa italiana a proposito dell’ammissione alla quotazione dell’istituto di credito berico, che ha meno del 10% di azioni in mano a operatori e risparmiatori che possano garantirne lo scambio. Quanto al fondo Atlante invece, dovrà intervenire con 1,35 miliardi di euro per sostenere l’aumento di capitale di Banca Popolare di Vicenza.

Un commento

  1. Nella vicenda c’è qualcosa che non quadra e che non viene raccontata. L’azzeramento del capitale sociale presuppone una lunga stagione di illeciti. Chiedo di sapere chi li ha fatti e chi sono stati complici, cioè coloro i quali hanno permesso la lenta “rapina” scoppiata in un botto tanto fragoroso ed inatteso. Non penso che la questione possa finire senza che qualcuno paghi il conto e che finisca i propri giorni nelle pubbliche galere e nel pubblico ludibrio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *