Breaking News

Pfas, tra rassicurazioni e incontri informativi

Si fa ogni giorno più evidente la preoccupazione, nella nostra provincia, per i risultati dello studio di biomonitoraggio che la Regione Veneto ha realizzato con l’Istituto superiore di sanità (Iss) sull’esposizione alle sostanze perfluoro alchiliche (Pfas). Lo testimoniano anche le numerose telefonate giunte ad Acque del Chiampo, gestore del servizio idrico integrato in dieci comuni dell’ovest vicentino, da parte di utenti dell’acquedotto che chiedevano informazioni sulla salubrità dell’acqua. La partecipata arzignanese, ha così attivato un “help desk”.

“Nel ribadire – si legge in una nota diramata in proposito – che il problema riguarda l’acqua dei pozzi privati e nel confermare che la risorsa idrica dell’acquedotto di Acque del Chiampo è sana, si può in ogni caso chiamare, per avere delucidazioni, il numero verde 800 040504, dalle 7 alle 24, da lunedì a sabato”.

Sull’argomento è intervenuta anche Milena Cecchetto, sindaco di Montecchio Maggiore, uno dei Comuni serviti da Acque del Chiampo. “L’acqua dell’acquedotto di Montecchio – ha spiegato – è sicura e non è mai stata messa in discussione e i dati forniti dal gestore della rete (consultabili a questa pagina), parlano chiaro. I valori riscontrati nell’acqua del rubinetto di casa sono ben al di sotto dei valori di performance indicati dall’Iss, quindi non c’è alcun pericolo per la popolazione”.

“E’ sicura – ha poi aggiunto l’assessore all’ambiente, Gianfranco Trapula – anche l’acqua erogata dalle quattro Case dell’acqua installate in città, perché attingono direttamente dall’acquedotto”.

Per finire, a Vicenza, il presidente della Commissione sociale e sanità del Comune, Raffaele Colombara, ha convocato, per giovedì 28, alle 17.30, la commissione, aperta a tutta la cittadinanza, durante la quale interverranno il presidente di Acque Vicentine, Angelo Guzzo e l’Ulss 6. Rimane confermato, l’allestimento, domani pomeriggio in corso Palladio, di uno spazio dove informarsi sull’inquinamento delle acqua da Pfas e firmare a sostegno di due petizioni per un’acqua pulita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *