Breaking News
Uno dei "contatti" tra polizia e manifestati nella protesta di oggi a Gambellara (foto da www.globalproject.info)
Uno dei "contatti" tra polizia e manifestati nella protesta di oggi a Gambellara (foto da www.globalproject.info)

Gambellara, scontri alla protesta contro Zonin

Manifestazione con forte tensione e tafferugli quest’oggi, a Gambellara. La protesta era soprattutto contro Gianni Zonin e la situazione che si è creata per la passata gestione della Banca Popolare di Vicenza. Un manifestazione annunciata, indetta dai centri sociali e dai movimenti della sinistra radicale ma alla quale hanno partecipato anche risparmiatori che si sono sentiti truffati, e non mancavano alcuni rappresenti delle associzioni dei consumatori.

La protesta ha avuto un connotato legato soprattutto alla figura dell’ex presidente del’istituto di credito, visto da più parti come il principale responsabile del disastro e del crollo del valore della zioni della BpVi, cosa che ha portato la perdita di tanti sudati risparmi dei vicentini. Uno Zonin che, negli slogan dei manifestanti, è stato stigmatizzato come colui che è ormai “nullatente” dato che starebbe girando i suoi beni ai familiari, come aveva rivelato a tutta Italia, nei giorni scorsi, anche Milena Gabbanelli nel suo programma Report. Prassi del resto consolidata nel nostro Paese, più che prevedibile insomma, tanto che sarebbe perfino strano se così non fosse.

Striscioni, cartelli, slogan, mettevano in evidenza questo, e tutto è poi degenerato quando alcuni manifestanti hanno lanciato uova ed ortaggi verso la sede della azienda di Zonin. A quel punto la polizia, in assetto antisommossa ha caricato i manifestate e non sono mancate le manganellate, tanto che qualcuno di essi è rimasto anche ferito. Tra i contusi c’è FrancescoPavin, uno dei leader del centro sociale Bocciodromo, di Vicenza, che, secondo il sito globalproject.info, è stato colpito con violenza ed è stato necessario il suo trasporto all’ospedale in ambulanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *