Pixel chiude la stagione di danza al Comunale di Vicenza

E’ in dirittura d’arrivoVicenza Danza XX edizione, la stagione di danza del Teatro Comunale di Vicenza. È infatti in programma per giovedì 5 maggio, alle 20.45, l’ultimo appuntamento, in esclusiva regionale. Si tratta di “Pixel”, produzione del 2014 della Compagnie Käfig – Centre Chorégraphique National de Créteil et du Val-de-Marne, spettacolo in 3D basato sul rapporto innovativo e poetico tra l’hip-hop e le nuove tecnologie, la danza e le arti visive, firmato dal direttore artistico della compagnia Mourad Merzouki, apprezzato coreografo francese di origini algerine. L’incontro con la Danza che precede lo spettacolo “Pixel” sarà condotto, giovedì 5 maggio alle 20.00 nel Foyer del Teatro, da Silvia Poletti, giornalista, critico, esperta di danza, collaboratrice di alcuni dei quotidiani di rilevanza nazionale.

Nel nuovo spettacolo della Compagnie Käfig, gruppo di danzatori hip hop già noto al pubblico del Comunale di Vicenza per le loro raffinate e sempre originali esibizioni dai riferimenti artistici inconsueti – le espressioni artistiche del contemporaneo, il mondo virtuale e la profonda umanità degli interpreti si intrecciano in modo originale grazie al felice incontro di Mourad Merzouki, coreografo e leader della compagnia, con gli artisti visuali Adrien Mondot e Claire Bardainne, e con la musica avvolgente e vellutata dell’israeliano Armand Amar.

In questo progetto artistico, Mourad Merzouki coniuga la danza di strada con la tecnologia digitale e i video degli artisti multimediali già citati, creatori di mondi grafici astratti. Undici corpi immersi nelle atmosfere surreali dei reticolati elettronici danno vita così ad un dialogo costante tra illusione e realtà, attraverso proiezioni che accompagnano i movimenti dei ballerini, dispiegando il delicato equilibrio tra energia e poesia, realtà e mondo virtuale.

Le luci stesse, di Yoann Tivoli assistito da Nicolas Faucheux, la scenografia di Benjamin Lebreton, i costumi di Pascale Robin assistita da Marie Grammatico, le immagini di Camille Courier de Mèré e Benjamin Lebreton, la creazione digitale di Adrien Mondot e Claire Bardainne, la creazione musicale di Armand Amar, le musiche della violinista Sarah Nemtanu e del pianista Julien Carton, la voce di Nuria Rovira Salat aiutano ulteriormente in tal senso.

Il risultato finale di “Pixel” è una miscela spettacolare davvero esplosiva, grazie agli universi visivi tridimensionali creati dai videoartisti. Le proiezioni creano una straordinaria dimensione virtuale, una sorta di sogno con cieli profondi nei quali i danzatori possono scomparire o riescono a saltare su pavimenti che si spalancano in abissi. I biglietti, quasi esauriti, sono in vendita alla biglietteria del Teatro Comunale in viale Mazzini 39, o possono essere acquistati online sul sito del teatro www.tcvi.it e in tutti gli sportelli della Banca Popolare di Vicenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *