Breaking News

Crosara, iniziati i lavori del “balcone su Marostica”

Sono iniziati in questi giorni, nella frazione di Crosara a Marostica, i lavori per la riqualificazione della zona dell’ex cimitero, uno spazio di circa 730 metri quadrati, dove è prevista la creazione della nuova area ludica e ricreativa chiamata “un balcone su Marostica”. Il progetto prevede la realizzazione di nuovi parcheggi auto, di un collegamento pedonale nord-sud, di un’area verde di sosta per residenti e turisti e, soprattutto, di uno spazio, coperto e scoperto, rivolto ad attività culturali, con un anfiteatro all’aperto, un luogo deputato a spettacoli, manifestazioni, mostre, incontri, con alcuni spazi dedicati alle associazioni locali.

Per la realizzazione di questi lavori si prevede una spesa di 500 mila euro, dei quali, più di due terzi (345 mila euro) arrivano da un contributo, assegnato tramite un bando Ipa (Intesa programmatica d’area pedemontana del Brenta) rivolto alla riqualificazione dei centri urbani. Fin da subito, questo progetto è risultato un’opera credibile e necessaria, soprattutto per la sua caratteristica di riconversione di un’area inutilizzata, posta nel pieno centro della frazione.

“La valorizzazione di questa area – ha sottolineato il sindaco di Marostica, Marica Dalla Valle – risulterà importante anche per lo sviluppo del turismo rurale, visto che è collocata sull’antica strada romana del Sejo che, attraversando Crosara e Conco, porta all’Altopiano”.

“L’avvio dei lavori – ha spiegato l’assessore ai lavori pubblici, Antonio Capuzzo – rappresenta il coronamento di un percorso virtuoso. Abbiamo ascoltato le esigenze dei concittadini, ci siamo attivati per ottenere i fondi necessari presentando un progetto credibile e siamo, infine, riusciti ad indire la gara entro la fine dell’anno scorso, cosicché i 155 mila euro di fondi comunali non incideranno sull’equilibrio di bilancio del 2016. Ora il nostro impegno è quello di concludere i lavori rispettando la tabella di marcia, ovvero entro i primi mesi del prossimo anno”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *