Basket, Schio e Ragusa in finale di Coppa Italia

Saranno il Famila Wuber Schio e la Passalacqua Ragusa a contendersi, domani, domenica 3 aprile, alle 18, al PalaRomare, la Coppa Italia, Anthea cup, di basket femminile. Come lo scorso anno, dunque, le vincitrici delle semifinali disputate questa sera sono state le siciliane, che hanno superato, per 63-58, la Reyer Venezia, e le arancioni, che si sono imposte sulla Gesam Gas Lucca, con il punteggio di 68-60.

Per una breve cronaca degli incontri, giocati al palasport di viale dell’Industria, partiamo proprio dalla contesa delle 19.15, tra Schio, che indossa una divisa celebrativa vintage con i colori della città, e Lucca. Anderson inaugura le marcature, 3-0. Dopo la risposta di Dotto, 3-2, il Famila aziona il turbo e vola sul 12-2. Incassato il colpo, le biancorosse reagiscono e si portano a -4, 12-8. Ancora 4 punti separano le due formazioni alla prima sirena, 16-12. Nella seconda frazione, il gioco si fa più frizzante. Le scledensi toccano il +10, 32-22, ma poi Pedersen ed una Harmon stellare accorciano, 32-27. I centri di Macchi e della solita Harmon, più un tiro libero di Wojta, chiudono la prima metà della gara sul 34-30.

Al ritorno sul parquet, Masciadri, Ress e Yacoubou suonano la carica, 43-32. Lucca inizia a risentire delle rotazioni limitate e arranca. Schio raggiunge così il massimo vantaggio, 49-34, prima di tornare di nuovo a + 10, 50-40 al trentesimo minuto di gioco. L’ultimo quarto è davvero entusiasmante. Dopo il botta e risposta tra Sottana e l’onnipresente Harmon, 52-42, Yacoubou insacca da sotto e dalla media distanza, 56-42. Il Famila sembra avere in mano il gioco, ma sul 58-45, le biancorosse costruiscono un break di 7-0, 58-52, che riapre la partita. Ci pensa capitan Masciadri, con una tripla, a ricacciare indietro le sfidanti, 61-52. Un sottomano di Dotto vale il nuovo -4, 64-60, che illude le toscane, ma Macchi e Ress hanno la mano ferma e siglano il definitivo +8, 68-60.

SCHIO: Yacoubou 13, Gatti 5, Sottana 11, Battisodo ne, Anderson 6, Masciadri 6, Walker 6, Zandalasini 2, Ress 6, Macchi 13, Bestagno ne

LUCCA: Viale ne, Templari 2, Dotto 12, Wojta 3, Reggiani, Harmon 29, Crippa 5, Gaeta ne, Laterza 2, Mandroni ne, Pedersen 7, Gatti ne

Nell’altra semifinale, tra Ragusa e Venezia, che si è giocata alle 17, sono le biancoverdi ad aprire le danze con Brunson ed Erkic, 4-0. Ruzickova e Formica siglano la parità, 4-4. Sul 9-9 Ragusa crea un parziale di 18-2, che vale il 27-11 dopo dieci minuti di gioco. Nella seconda frazione la Passalacqua abbassa i ritmi e sul 31-15, subisce il ritorno della Reyer, 31-23. Le aquile si fanno più precise in attacco e serrano le maglie in difesa, 41-23. Dopo l’intervallo Ragusa soffre la zona di Venezia, ma le orogranata non trovano buone soluzioni di tiro e il terzo quarto si chiude con le siciliane avanti per 54-39. Negli ultimi dieci minuti Ragusa non brilla e Venezia si avvicina, 58-50. Micovic insacca da tre, 61-50. Christmas e Ruzickova accorciano ancora, 61-58, ma l’ultima parola è di Brunson, 63-58.

RAGUSA: Consolini 3, Gorini 11, Valerio, Erkic 12, Ngo Ndjock, Gonzalez 2, Nadalin 8, Little 8, Brunson 16, Micovic 3

VENEZIA: Carangelo 3, Christmas 13, Pan 2, Bagnara 2, Sandri 3, Formica 4, Ruzickova 16, Dotto, Cubaj ne, Fontenette 15

Ilaria Martini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *