domenica , 18 Aprile 2021
Laura Macchi, autrice di 23 punti nel match contro Ragusa
Laura Macchi, autrice di 23 punti nel match contro Ragusa

Basket, il Famila Schio spazza via Ragusa

Partita senza storia, ieri sera, tra la Passalacqua Ragusa e il Famila Wuber Schio. Al PalaMinardi, le arancioni hanno infatti travolto le biancoverdi, per 55-82, nel recupero della nona giornata di ritorno di Almo nature cup, massimo campionato di basket femminile. Grazie a questa vittoria, le ragazze di coach Mendez hanno staccato le siciliane in classifica, raggiungendo, al primo posto la Gesam Gas Lucca.

Fin dalle prime battute della contesa il Famila domina sulle avversarie. Dopo il gioco da tre punti di Walker e la replica da dietro l’arco di Erkic, 3-3, le strade delle due formazioni si dividono. Schio procede a velocità doppia rispetto alle padrone di casa, che soccombono sotto i colpi di Anderson, Walker e Yacoubou. A differenza della finale di Coppa Italia di domenica, durante la quale, dopo essere scivolate a -11, le ragusane hanno recuperato senza problemi, stasera, sul parquet sembrano esserci solo le vicentine che, alla prima sirena conducono già per 10-22.

Se la prima frazione delle biancoverdi è negativa, la seconda non è certo meglio. Passano quasi quattro minuti prima che le aquile trovino il fondo della retina. Le scledensi invece, costruiscono ottime azioni e spesso si trovano, da sole, a tu per tu con il canestro. Il break di 14-0 costruito da Schio in apertura di seconda frazione, 10-36, è bloccato da un centro di Little, 12-36. Ma si tratta solo di un’interruzione momentanea, perché il Famila gioca con fluidità in attacco, e con il contributo di tutte le atlete in campo, raggiunge presto i 29 punti di vantaggio, 17-46, che diventano 28, 23-52, alla seconda sirena. A far avanzare il tabellone di Ragusa è solo Little. Suoi, infatti, 11 dei 13 punti messi a referto dalla Passalacqua.

Dopo i quindici minuti di intervallo, la musica non cambia. Le biancoverdi sono incapaci di opporsi al dominio di Schio. Le arancioni costruiscono un altro parziale di 9-0, 23-60. Dopo il minuto di sospensione chiesto da coach Lambruschi, in due azioni consecutive Brunson realizza quattro liberi, 27-60. Sul +38 scledense, 31-69, arriva la reazione delle aquile, che, trascinate da Gorini e da Brunson, risalgono a -29, 40-69. Poi, sulla sirena, Walker allunga ancora, 40-71.

Anche se Ragusa vince l’ultima frazione (15 a 11 il parziale di questo quarto), la partita non ha più nulla da dire, perché oramai le ospiti hanno scavato un solco troppo profondo. Sul 46-72, a sei minuti dalla fine, Lambruschi fa sedere in panchina Little e Brunson, così da risparmiarle in vista della prossima gara, l’ultima di campionato, contro Venezia. Nel pitturato, il duello tra Yacoubou e Ngo Ndjock, vede prevalere la lunga francese, che sigla il +30, 46-76. Negli ultimi minuti, le siciliane spingono più delle avversarie, ma recuperano solo tre punti, 55-82.

RAGUSA: Consolini, Gorini 14, Valerio, Erkic 3, Ngo Ndjock 4, Gonzalez 5, Sorrentino ne, Nadalin, Little 16, Brunson 13, Micovic

SCHIO: Yacoubou 12, Gatti 4, Sottana 10, Battisodo, Anderson 17, Masciadri 3, Walker 9, Ress 4, Macchi 23, Bestagno

CLASSIFICA: Lucca e Schio 44, Ragusa 42, Venezia 40, San Martino di Lupari 28, Parma 24, Napoli e Umbertide 22,Battipaglia 18, Torino e Vigarano 16, Orvieto 14, Sesto San Giovanni 12, Cagliari 8

Ilaria Martini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità