giovedì , 16 Settembre 2021

Vicenza, deruba un “cliente”, nuovo arresto

È stata arrestata di nuovo Maria Brindusa, rumena di 27 anni, già nota alle forze dell’ordine per i numerosi reati commessi ai danni dei suoi “clienti”, nel capoluogo berico, assieme a dei complici, suoi connazionali. I carabinieri del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Vicenza l’hanno rintracciata verso le sette di questa mattina, all’interno dello stabile che ospitava l’hotel Europa, in viale San Lazzaro.

Per quanto riguarda la vicenda che è costata le manette alla Brindusa, non ci sono molte varianti rispetto ad altri episodi, dei quali è stata protagonista in passato. Nella notte tra ieri e oggi, infatti, servendosi dell’aiuto di quattro uomini come complici, la ragazza avrebbe adescato un uomo, proprio nelle vicinanze dell’ex hotel Europa, con la promessa di un rapporto sessuale.

Dopo aver individuato la vittima, seguendo il copione già recitato in diverse altre occasioni, è scattata la seconda parte del piano, vale a dire, una sottrazione di denaro. Il malcapitato, infatti, sarebbe stato rapinato dei 400 euro che aveva con sé, sotto la minaccia di un coltello, che è stato poi recuperato dai militari dell’arma.

Individuata, come detto, qualche ora dopo il fatto contestato, la donna è stata associata al carcere di Verona, ed è ora in attesa dell’udienza di convalida del fermo. I suoi complici, invece, non sono ancora stati identificati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità