Veneto

Veneto virtuoso in materia di spesa farmaceutica

Solo quattro Regioni e province autonome, in Italia, hanno rispettato il tetto della spesa farmaceutica nell’anno appena concluso e il Veneto rientra in questo quartetto virtuoso. A metterlo nero su bianco è l’Agenzia italiana del farmaco (Aifa). Spulciando i dati diffusi emerge infatti che, nel 2015, lo sforamento della spesa del Servizio sanitario nazionale è stato di 1,8 miliardi di euro e che, a mantenersi al di sotto dei tetti prefissati, a livello nazionale, sono stati solo il Veneto, la Valle d’Aosta e le province autonome di Trento e di Bolzano.

“Se siamo solo in quattro a rispettare i tetti della spesa farmaceutica – ha commentato il presidente della Regione, Luca Zaia – e tra questi il Veneto è l’unica Regione a statuto ordinario, significa che l’Italia è molto indietro rispetto ad una gestione virtuosa della sanità. Vuol dire, inoltre, che applicare rigidamente i costi standard non è più una necessità ma un’emergenza e, infine, che il Veneto ha ottime ragioni per chiedere un’autonomia, come è stato fatto ufficialmente il 17 marzo, scorso attivando le procedure costituzionali con una mia lettera al presidente del Consiglio”.

“Siamo fieri – ha continuato – di aver centrato l’obiettivo della spesa farmaceutica, ma traiamo da questo successo una conclusione che ritengo elementare, vale a dire che il Veneto sta dimostrando, giorno dopo giorno, di saper gestire in maniera oculata il denaro pubblico e ha ora il diritto di avere la sua autonomia”.

“Non a caso – ha concluso – il nostro progetto di autonomia si fonda prima di tutto sulla libertà di gestione delle tasse pagate dai veneti, per dare loro l’assistenza sanitaria. Indietro non torniamo, sostenuti dall’articolo 116 della Costituzione, da una sentenza della Corte costituzionale e dalla prova dei fatti”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button