Arte, Cultura e Spettacoli

“Stabat Mater” chiude i concerti di Bottega Armonica

Un capolavoro che si inserisce ad inizio di quello che è il periodo vertice della fede cristiana, la Settimana Santa. L’emozionante “Stabat Mater” di Pergolesi verrà eseguito sabato, 19 marzo, nella Chiesa di San Gaetano, in Corso Palladio, a Vicenza, alle 17, dall’ensemble diretto dal maestro Roberto De Maio, con le voci soliste del soprano Daniela Donaggio e del contralto Victoria Lyamina. Con quest’opera si chiude la terza stagione de “I concerti del mese” di Bottega Armonica, progetto dell’associazione “Canone Inverso” nato sotto la direzione artistica del M° De Maio.

Lo Stabat Mater di Pergolesi ha il dono di accompagnare i presenti ai piedi della croce e, grazie al suo eccelso valore spirituale, fa entrare nel sentire di Maria, santa e donna, madre di Dio e di un figlio di cui ha dovuto vedere la morte. Le due voci femminili soliste incarnano queste due anime, spirituale e carnale. L’apertura è affidata al contralto Lyamina, cantante dalle origini moscovite, ormai adottata da Vicenza, che nell’opera va a rappresentare Maria madre sconvolta dal grande dolore della passione di Cristo. Daniela Donaggio, soprano, al suo debutto con l’ensemble di giovani talenti, è un’artista premiata in concorsi nazionali e internazionali, vincitrice del premio alla miglior voce in onore del soprano Mafalda Favero. Ha studiato con Leone Magiera, Katia Ricciarelli, Lella Cuberli e Romano Roma, e oggi svolge un’intensa attività artistica in Italia e all’estero.

“Si tratta di musica che accompagna l’ascoltatore attraverso una tavolozza completa di emozioni, e per questo diventa una meditazione sull’umanità e la divinità del Cristo – è la riflessione sullo Stabat Mater del maestro De Maio -. Il senso cristiano della Pasqua si comunica attraverso i sentimenti più carnali, che ciascuno di noi può ritrovare nella propria esperienza umana: l’amore, il dolore, la paura, lo smarrimento e, infine, la fede e la speranza della risurrezione. La potenza di questo messaggio viene esaltata dalla musica che tocca profondamente le corde emotive dell’uomo contemporaneo. La lettura che ne dà Pergolesi, innovando al suo tempo la tradizione vigente, è ancora oggi attuale e per questo la composizione in programma è diventato un punto di riferimento assoluto nella storia della musica e nella spiritualità occidentale”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button