Breaking News

Perché la proroga senza gara della concessione A4?

Ma vi sembra normale che il Governo regali miliardi di patrimonio pubblico ad una società privata, in un momento di grave crisi economica in cui vengono a mancare le risorse per finanziare i servizi essenziali? Il trucchetto é semplice: prendiamo l’autostrada più trafficata d’Italia, l’A4, evitiamo accuratamente ogni sorta di gara pubblica e rinnoviamo la concessione, con trattativa privata, agli amici degli amici.

Enrico Cappelletti
Enrico Cappelletti

Ovviamente soggetti privati ben introdotti e molto riconoscenti, perché incasseranno pedaggi per oltre 3 miliardi e 600 milioni, in 10 anni. Un Governo che opera nell’interesse dei cittadini, avrebbe dovuto fare una gara pubblica e dare la concessione al miglior offerente. Ma una gara avrebbe evidentemente precluso la possibilità di specularci sopra ogni limite. Il finale é prevedibile: la finanza pubblica viene spolpata per miliardi. Ed altrettanti soldi finiscono nelle tasche dei privati. Sarà pure lecito. Ma é una vergogna inaccettabile.

La società spagnola Abertis, lo scorso agosto, sentendo odore di proroga, ha annunciato l’acquisto della A4 Holding, società che controlla il tratto dell’autostrada A4 Brescia-Padova, per un miliardo e duecento milioni di euro (oltre a subentrare negli investimenti previsti). Perché lo Stato, in considerazione del fatto che la concessione é scaduta nel 2013, non ha espletato una gara pubblica, intascando esso stesso quel miliardo e due cento milioni? Perché, al contrario, lascia che quei soldi pubblici finiscano in tasche private?

L’alibi che ha fino ad ora consentito di tentare questa colossale fregatura, é stata la previsione d’investimento di una parte dei proventi da pedaggio, nella autostrada Valdastico Nord. Ma oggi sappiamo che non verrà più realizzata. Non vi sono quindi più alibi che tengano. Su questa operazione il Movimento 5 stelle ha già presentato un esposto alla Corte dei Conti e uno all’Autorità Nazionale Anticorruzione. E adesso ha presentato una iniziativa anche in Parlamento, con una interrogazione urgente rivolta ai Ministri Delrio e Padoan.

Il M5S, con questa interrogazione, chiede dunque al Governo di tornare sui suoi passi e di procedere immediatamente ad indire una gara pubblica per l’assegnazione della concessione dell’A4. Chiede di conoscere i responsabili politici e materiali di questo imponente danno erariale e coglie l’occasione per sollecitare l’intervento dell’Autorità Nazionale Anticorruzione, probabilmente l’unico organo dello Stato in grado di spiegare agli Italiani la vera logica che sottende questa triste vicenda di sprechi miliardari, che grida vendetta in cielo ed in terra.

Senatore Enrico Cappelletti – Movimento 5 Stelle

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *