Breaking News

Il sole bacia la StraVicenza. 9500 partecipanti

Le previsioni meteo avevano assicurato il sole per questa domenica della StraVicenza, e così è stato. Ben 8.200 sono stati i partecipanti, non agonistici, iscritti a questa corsa podistica di inizio primavera, quest’anno per altro in coincidenza con la domenica delle Palme. Bene anche la versione agonistica della StraVicenza, che ha visto un incremento, rispetto al passanto, delle adesioni arrivate a 1300, 100 in più del 2015 e 600 in più dal 2014. Una grande festa per molti insomma, a cominciare dai runners che hanno visto gli arancioni di Av Run Bisson Auto grandi protagonisti con quasi trecento pettorali.

Gelindo Bordin
Gelindo Bordin

Tra di essi non ha mancato di mettere la firma nel registro dei presenti anche Gelindo Bordin tornato anch’egli a correre nelle strade della sua città. A tagliare per primo il traguardo è stato, con il pettorale numero 5, il giovane Eyob Faniel, atleta di Cassola, di origine eritrea, allenato da Marco Maddalon, che corre per Venice Marathon Team. 29’39” il suo crono finale a soli due secondi dal record della manifestazione stabilito lo scorso anno da Yassin Rachik. Faniel è subito partito in testa e dopo pochi chilometri ha creato un vuoto incolmabile alle sue spalle sfoggiando classe pure lungo le strade del Palladio. Secondo, il portacolori delle Fiamme Oro Paolo Zanatta con 30:30”, e terzo è arrivato Lucio Sacchet, Ana Feltre, in 30”37”.

Per quanto riguarda la corsa femminile, ferma i box Federica Del Buono che si è poi aggregata sul palco per le premiazioni, la vittoria resta per il terzo anno consecutivo in casa Atletica Vicentina grazie a Gloria Tessaro (Av Run Bisson Auto) già azzurra lo scorso anno e vicecampionessa italiana assoluta dei 1500 outdoor e dei 3000 indoor. 34’53” il crono della duevillese allenata da Gianni Faccin. Seconda Isabel Mattuzzi (Quercia Trentingrana) in 35’59” e bronzo per Laura Dalla Montà (GS Valsugana Trentino) in 36’13”.

La corsa non competitiva invece, come dicevamo, ha visto la partecipazione di ottomila appassionati. partecipanti. Il bel tempo ha certo giocato a favore, anche se  la concomitanza con la domenica delle Palme ha forse influito in modo contrario. C’erano comunque una quindicina di scuole al via e una decina di gruppi che nell’insieme hanno garantito una base di tremila iscrizioni. Per le scuole vi sono stati premi speciali per coreografia e numeri presenti, con la vittoria che è andata alla Zanella di Torri di Quatesolo, che fa il bis dopo il trionfo del 2015, seguita dalla Vittorino Da Feltre e dalle Dame inglesi.

Tra i gruppi iscritti alla non competitiva i più numerosi sono stati la Palestra Asd San Pietro, seguiti dal Max Fitness Center abbinati all’Atletica Arzignano. Saranno premiati con buoni spesa per articolo sportivi. Ottimo avvio anche per il Circuito Vicentia Running che dopo la StrAVicenza vedrà in aprile a Zanè la Puro 10.000 e la Strarzignano. Tra le iniziative a sfondo sociale collegate all’evento va segnalata quella patrocinata da “Vicenza Press” a favore dell’Associazione Fondazione San Bortolo Onlus, di Vicenza, e della Croce Verde di Vicenza. Molte le realtà del mondo dell’associazionismo e del volontariato presenti negli stand tra cui la Croce Verde che ha garantito l’assistenza sanitaria. Da segnalare infine che la StraVicenza ha dato anche l’occasione per il lancio della terza edizione della Mezza Maratona, che Atletica Vicentina organizzerà il 18 settembre con la novità del nuovo percorso, destinato a svilupparsi lungo la Riviera Berica, e l’inserimento della non competitiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *