Breaking News

Vicenza, M5S: “E la bonifica alle cave dell’Oasi di Casale?”

Alza il tiro, il Movimento 5 Stelle di Vicenza, su una vecchia questione riguardante un serio pericolo ambientale per l’Oasi di Casale, non ancora risolto, ovvero il sotterramento di un certo numero di sacchi contenenti residui di cromo esavalente nell’area delle cave di argilla di Ca’ Perse. Assieme al Comitato di cittadini che ormai dal 1981 porta avanti questa battaglia, i pentastellati chiedono al Comune di Vicenza di procedere, finalmente, alla bonifica dell’area ed alla sua messa in sicurezza. Il Comitato per la difesa del territorio di Casale, come dicevamo, in questi anni, ha sollecitato periodicamente l’amministrazione comunale sulla vicenda, purtroppo senza mai ottenere grossi risultati.

“Tutte le autorità preposte al controllo e alla salvaguardia della salute pubblica – spiega Liliana Zaltron, consigliera comunale del M5S di Vicenza  -, tergiversano, attendendo chissà quale fatto nuovo che costringa così ad agire di conseguenza. Il Movimento 5 Stelle, nell’azione di ascolto ed appoggio delle istanze della popolazione, ha portato avanti queste istanze con interrogazioni a livello comunale e nazionale e, assieme al Comitato, si sta adoperando affinché possa essere accertata la verità. Oggi, per questo, è stata presentata la lettera di diffida che il Comitato ha inviato al sindaco di Vicenza ed alla Socotherm, ancora proprietaria dell’area interessata, e per conoscenza al Dipartimento ambiente della Regione Veneto e all’Arpav di Vicenza”.

Nella diffida, i cinque stelle vicentini ricordano le gravi ricadute che potrebbero esservi sulla salute pubblica da un inquinamento dell’area e da una sua omessa bonifica. Tra l’altro, si sottolinea nel documento, c’è anche la “disponibilità delle informazioni che possono venire da un testimone dei fatti, Giuseppe Romio, in grado di riferire con precisione l’area di interramento dei rifiuti, più ampia rispetto a quella sottoposta a carotaggio nel 1988”.

Il Movimento 5 Stelle chiede anche al Comune di Vicenza “copia dell’intero fascicolo documentale relativo agli interventi comunali operati nell’area” poiché questi atti  “sono significativi per la tutela del diritto all’ambiente e della salute e il loro esame risulta imprescindibile per la valutazione di eventuali azioni giudiziarie a tutela dei predetti diritti”. L’istanza è sottoscritta da circa quattrocento cittadini”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *