Provinciavicenzareport

Schio, innovazione che guarda al turismo

Tre proposte, destinate a negozianti, ristoratori e albergatori di Schio, nell’ambito degli interventi promossi dal comune, in partenariato con le associazioni di categoria, per riqualificare il centro storico. Si tratta, di  incontri gratuiti di approfondimento tematico, con la collaborazione degli esperti del Centro internazionale di studi sull’economia del turismo di Venezia (Ciset) che, partendo dal valore dell’accoglienza, si proporranno di veicolare in modo corretto la promozione del territorio.

Il punto di partenza è che il turismo e il modo di farlo sono cambiati. E durante i laboratori per l’innovazione nel turismo proposti si cercherà di rispondere ad una domanda: cosa c’è di nuovo da sapere per chi si occupa di accoglienza, di ristorazione, di commercio, di pacchetti di soggiorno e di escursioni per il tempo libero, per poter offrire un’esperienza da ricordare?

I tre appuntamenti in programma (uno per ciascuna delle tre categorie professionali coinvolte), saranno ospitati allo spazio espositivo del lanificio Conte, dal 1° marzo al 20 aprile. Il tutto rientra nel più ampio progetto per il Distretto urbano del commercio di Schio. Docenti qualificati dialogheranno con quanti, ogni giorno, si confrontano con clienti o con visitatori interessati a vivere il territorio e le sue peculiarità. Il ruolo della persona motivata e competente nel presentare l’offerta territoriale locale ha dunque, sempre più, una sua centralità.

“Siamo convinti – ha concluso l’assessore allo sviluppo economico, Anna Donà – che iniziative come questa siano importanti per la diffusione di un aggiornamento e di una consapevolezza non più rinviabili per gli operatori. È infatti necessario che quanti, a vario titolo, vengono ogni giorno in contatto con persone interessate a vivere, acquistare, soggiornare nella nostra città, abbiano la giusta preparazione non solo per quanto riguarda la loro attività, ma anche per altre opportunità collegate, come interessi culturali o di svago. Porsi in modo positivo e coordinato è cruciale per trasmettere a clienti e visitatori una impressione di benessere che, a loro volta, potranno comunicare ad altri, innescando così un circuito virtuoso”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button