Vicenzavicenzareport

Scuole più sicure con le indagini su strutture e solai

E’ stato presentato ieri a Vicenza il programma delle indagini su solai e su controsoffitti, che interesseranno undici scuole primarie della città. Le indagini, del valore complessivo di oltre 55 mila euro, godono di un contributo statale di 39 mila euro, ottenuto grazie alla partecipazione del Comune ad uno specifico bando promosso dal Ministero dell’istruzione dell’università e della ricerca (Miur), nell’ambito del fondo “La Buona scuola”, per garantire la sicurezza degli edifici scolastici e prevenire crolli di solai e controsoffitti.

“Il Comune di Vicenza – ha spiegato l’assessore alla cura urbana Cristinada port Balbi -, che già da alcuni anni opera in modo prioritario nella riqualificazione delle scuole, sul fronte della sicurezza, del risparmio energetico, ma anche del comfort di chi vi studia e lavora, nello scorso ottobre, ha richiesto al Miur il cofinanziamento per indagini su nove edifici scolastici, tra i più vetusti o sui quali era già stato avviato un percorso sulla vulnerabilità sismica. Si è trattato di un’iniziativa importante per la sicurezza dei nostri ragazzi, ma anche di un’azione strategica, per procedere con più efficacia nell’individuare gli interventi da inserire nel piano dell’edilizia scolastica”.

Avuta la certezza del cofinanziamento ministeriale, a metà dicembre, sono state bandite due gare per l’individuazione delle ditte chiamate a realizzare indagini strutturali e saggi su solai e controsoffitti delle scuole primarie interessate, Giovanni XXIII e Lioy (lotto 1), Prati, Cabianca, Da Porto, Zanella, Negri, Pasini, e Tiepolo (lotto 2), aggiudicando i lavori con il criterio del prezzo più basso (lotto 1) e con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa (lotto 2).

“La proceduta seguita – ha concluso l’assessore Balbi – ci ha consentito di ottenere indagini su due scuole in più, ancora da individuare, portando, così ad undici il totale degli edifici scolastici su cui saranno eseguiti i controlli. L’esito di queste sofisticate analisi sarà la stesura di mappe del rischio che ci permetteranno di programmare eventuali lavori di messa in sicurezza prima che si manifestino le criticità”. Le indagini e le prove di carico saranno quasi certamente eseguite durante l’estate, così da non interferire con le lezioni scolastiche.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button