Vicenzavicenzareport

Vicenza, il Pd: bene i lavori nella Valletta del Silenzio

“L’intervento di riqualificazione di Stradella della Rotonda è un ottimo esempio di buona amministrazione per diverse ragioni”. Sono le parole con cui il Partito Democratico di Vicenza interviene oggi commentando la scelta dell’amministrazione comunale di riordina anche con il rifacimento della strada l’area della Valletta del Silenzio, alle porte della città e a due passi dalla villa capra, detta la Rotonda, celebre opera palladiana. Come si ricorderà, e come invece smentito ieri dall’assessore alla cura urbana del Comune di Vicenza, Cristina Balbi, qualcuno aveva fatto notare la poca opportunità di intervenire su un’area così delicata e a poca distanza dalla storica villa.

La presa di posizione odierna del Pd è firmata dal segretario cittadino, Enrico Peroni, da quello del circolo 2 Giuseppe Zaccaria, e dal consigliere comunale Valter Bettiato Fava. “In primo luogo – aggiungono i tre esponenti politici – reputiamo importante sottolineare che l’azione è da inserire in un contesto generale di misure per la valorizzazione di Campedello che rafforzano l’identità del quartiere e ne permettono una maggiore osmosi con Villa Capra. Contestualmente, ed è il secondo aspetto che intendiamo sottolineare, questo intervento tutela e valorizza in maniera sinergica e intelligente il patrimonio culturale e naturale, un binomio fondamentale e da tenere sempre insieme”.

“Infine – concludono -, reputiamo decisivo sottolineare come l’intervento abbia luogo grazie a fondi ministeriali e regionali. Questo dimostra sia la bontà del progetto che la capacità dell’amministrazione di fare sinergia con gli altri livelli territoriali”.

“La riqualificazione di Stradella della Rotonda – precisa poi il segretario cittadino del Pd Enrico Peroni – è un intervento che valorizza il quartiere, risponde ad esigenze precise dei residenti, rafforza l’attrattività turistica del patrimonio e nasce dalla capacità di fare squadra con le altre istituzioni da parte del Comune. Dobbiamo andarne orgogliosi”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button