Vicenza, il Comune attinge dal fondo di riserva

E’ stato disposto dalla giunta comunale di Vicenza, il prelievo di circa 121 mila euro dal fondo di riserva dell’esercizio 2015, per chiudere alcune partite relative all’anno appena concluso. Nello specifico, questa iniezione di liquidità coinvolgerà il capitolo destinato al rimborso delle spese di custodia, di sequestro e di fermo di veicoli da parte della polizia locale, che è stato rimpinguato di 10 mila euro. Altri 30 mila euro, in aggiunta ai quasi 148 mila euro necessari per i lavori, saranno usati per acquistare gli arredi del nuovo centro civico polifunzionale dei Ferrovieri.

Sempre 30 mila euro serviranno alla realizzazione del Piano di localizzazione (Pl) delle stazioni radio base, vale a dire una pianificazione dei luoghi pubblici da destinare alla possibile installazione delle antenne per la telefonia cellulare. Previsto dal PI, nelle linee di programma e anche da una mozione consigliare, questo piano di permetterà di mettere in pratica, nel Comune di Vicenza, il principio di minimizzazione delle emissione del segnale elettromagnetico.

È stato anche incrementato di circa 9 mila euro il capitolo delle spese per il servizio del trasporto tifosi e per il fondo di garanzia per eventuali atti vandalici ad opera delle tifoserie calcistiche, mentre 8 mila euro verranno aggiunti al finanziamento delle spese di gestione degli impianti sportivi e dei parchi gioco. Nell’ambito degli interventi per la tutela dell’ambiente, una parte del fondo supporterà lo Sportello sostenibilità, di prossima attivazione.

Ancora, 10 mila euro saranno destinati alle perizie richieste all’agenzia del territorio. Pure il gruppo alpini di Campedello e Legambiente beneficeranno del fondo di riserva, che verrà usato anche per sostenere una nuova fase del progetto di cooperazione che il Comune di Vicenza ha attivato con la città Hebron, in Palestina. Infine, 11.500 euro saranno accantonati per le spese non prevedibili, per far fronte a delle indagini diagnostiche sugli edifici scolastici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *