Breaking News

Valdastico Nord, tra scambi e patti incrociati…

“Sbaglia la regione Trentino a scambiare il rinnovo della concessione dell’Autobrennero, senza gara, con l’ok alla realizzazione della autostrada Valdastico Nord, poco utile ma costosissima (2 miliardi)”. Sono parole di Dario Balotta, presidente dell’Osservatorio osservatorio nazionale liberalizzazione trasporti (Onlit), che dunque riporta all’attenzione delle cronache la questione del prolungamento fino a Trento della Valdastico, tanto avversato da una parte della società civile quanto auspicato dall’establisment veneto che opera nella stanza dei bottoni.

Balotta spiega anche il perché, a Trento, non converrebbe quella sorta di scambio, non si sa quanto ufficiale ma certamente noto a tutti da tempo. “L’intesa – ricorda infatti il presidente di Onlit -, raggiunta in sede europea, verrà siglata il 14 gennaio. Essa prevede che il Ministero delle infrastrutture affidi la gestione dell’Autobrennero ad una società in house, di proprietà interamente pubblica. Al Trentino basta raccogliere la piccola quota del 16% di azionariato frazionato, in mano ai privati”.

“La formula – continua Balotta – prevede un’ipotesi di concessione trentennale e, contestualmente, la disponibilità dei 550 milioni del Fondo ferrovia, accantonati per il finanziamento del tunnel del Brennero, risorse che però dovrebbero essere sborsate anche da un nuovo subentrante, qualora vincesse la gara. L’ingegnoso marchingegno per evitare la gara, se approvato, farebbe sprofondare ulteriormente nell’inefficienza il settore, e priverebbe lo Stato di una parte delle rendite garantite oggi, a totale appannaggio delle concessionarie”.

“Nell’intreccio di patti incrociati per evitare la competizione ed aggirare le gare – conclude -, si avvantaggerebbe anche la Serenissima che ha inchiodato lo Stato, nella convenzione, alla proroga della concessione fino al 2026 in caso di avvio dei lavori della A31 Valdastico nord”. Ogni commento è superfluo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *