Breaking News

Premio Campiello, si rinnova la Giuria dei Letterati

Si rinnova la composizione della Giuria dei letterati Il Premio Campiello in vista della sua 54esima edizione. Ad entrare nella giuria del prestigioso premio organizzato da Confindustria Veneto  sono Roberto Vecchioni, cantautore che ha ben poco bisogno di presentazioni e che è anche scrittore e insegnante, e poi Stefano Zecchi, docente di Estetica all’Università di Milano, anch’egli molto noto, ed Emanuele Zinato, docente di Letteratura italiana contemporanea all’Università di Padova. Ricordiamo che la Giuria dei letterati del Campiello è composta da una decina di autorevoli personalità del mondo culturale e letterario italiano, ed è sottoposta periodicamente alla rotazione dei giurati per garantire una pluralità di punti di vista.

Roberto Vecchioni
Roberto Vecchioni

Il presidente della Giura, che verrà annunciato nelle prossime settimane con il lancio del Campiello 2016, cambia ogni anno. Gli altri componenti sono: Federico Bertoni, docente di Critica letteraria e letterature comparate all’Università di Bologna, Riccardo Calimani, scrittore e storico, Chiara Fenoglio, studiosa di Letteratura Italiana, Philippe Daverio, storico dell’arte, Luigi Matt, docente di Storia della lingua italiana all’Università di Sassari, Ermanno Paccagnini, docente di Letteratura italiana moderna e contemporanea all’Università Cattolica di Milano, Patrizia Sandretto Re Rebaudengo, presidente della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo di Torino.

Stefano Zecchi
Stefano Zecchi

I letterati hanno il compito di scegliere i cinque finalisti dell’edizione in corso del Campiello, individuati tra i romanzi inviati alla segreteria del premio nel corso dell’annata editoriale che precede la selezione della cinquina finalista, ogni anno in programma alla fine di maggio. Durante la cerimonia di selezione, i giurati procedono alla votazione pubblica delle opere e alla scelta dei cinque finalisti, i quali si aggiudicano il Premio Campiello – Selezione Giuria dei letterati. La giuria svolge quindi il ruolo di individuare le tendenze letterarie e linguistiche più valide, per passare poi la parola al gusto dei lettori per la scelta del vincitore.

Emanuele Zinato
Emanuele Zinato

Questi viene infatti votato dalla Giuria dei trecento lettori anonimi, a garanzia della trasparenza e dell’autonomia del premio. I lettori vengono selezionati su tutto il territorio nazionale in base alle categorie sociali e professionali, cambiano ogni anno e i loro nomi rimangono segreti fino alla serata finale. La Giuria dei letterati ha inoltre il compito di scegliere il vincitore dell’Opera prima, riconoscimento assegnato ad un autore al suo esordio letterario, e del Campiello giovani, scelto tra i cinque finalisti selezionati dalla Giuria tecnica, che viene annunciato a settembre il giorno della finale del Premio Campiello.

Il Premio Campiello, istituito nel 1962 dagli Industriali del Veneto, è promosso e gestito dalla Fondazione Il Campiello, composta dalle sette Associazioni Industriali del Veneto e dalla loro Confindustria regionale. Nel corso degli anni il Premio ha raggiunto il vertice delle competizioni letterarie italiane.  E’ uno dei pochi casi di successo in Italia di connessione concreta e strategica tra mondo dell’impresa e della cultura. Per ulteriori informazioni: www.premiocampiello.org.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *