Breaking News

Lavoro, Idv: dati positivi, ma si pensi anche alle partite Iva

C’è davvero una ripresa dell’occupazione? Domanda difficile, alla quale vorremmo tanto poter rispondere sì, ma lo scetticismo è tanto purtroppo, un po’ in tutti noi. I dati nazionali comunque parlano di insegno positivo per l’anno che si è appena concluso, ed il Veneto si allinea con questo trend e ci vengono proposte cifre confortanti. Al di là delle valutazioni che si possono fare, e al di là dei giudizi che si possono dare sul Jobs Act che il governo continua a definire come il toccasana che ha reso possibile questi segnali che giungono di una possibile ripresa economica, anche in veneto in effetti negli ultimi tempi è salito il numero degli assunti a tempo indeterminato. Certo, bisogna vedere cosa succederà negli anni seguenti, tuttavia non mancano le voci che esprimono soddisfazione.

Così, ad esempio, Antonino Pipitone, membro della segreteria nazionale dell’Italia dei Valori ed ex consigliere regionale veneto. “I dati di Veneto Lavoro – commenta Pipitone –  sono positivi e fanno ben sperare che questo trend possa trasformarsi in una lunga onda in grado di rimettere in gioco l’economia veneta e di tutto il Paese. Quanto al Veneto, si conferma una delle regioni che guidano la ripartenza dell’economia e del lavoro. Questo è merito sia di una classe imprenditoriale che ha saputo rigenerarsi dopo la crisi, sia di scelte politiche positive per l’economia nazionale”.

Secondo Pipitone, “le oltre 50 mila assunzioni a tempo indeterminato nel 2015 evidenziano che quando la politica favorisce e sostiene lo sviluppo delle aziende con norme che riducono il costo del lavoro, il risultato è sicuramente positivo. Come Idv abbiamo sostenuto tutte le leggi che il governo ha promosso a sostegno dell’economia e dello sviluppo: adesso pero’ bisogna intervenire anche sulle Partite Iva, sia sul piano del riconoscimento delle tutele sociali e previdenziali che riducendo l’imposizione fiscale. Su questo tema Idv, con i suoi parlamentari, ha già presentato apposite proposte”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *