lunedì , 18 Ottobre 2021

Invita la fidanzata in Marocco e poi la sequestra

Due fidanzati, lui marocchino ma domiciliato in Italia, a Milano, lei invece, ventenne, nata e residente a Noventa Vicentina, sebbene di origine nord africana anche lei. Non ci sarebbe niente di strano nel fatto che lui la inviti nel suo Paese per farla conoscere ai genitori. Ed invece succede quello che non ti aspetti, ovvero che lui, una volta in Marocco, la rapisce assieme ad altri due complici e chiede un riscatto. Ben 70 mila euro si sono visti chiedere i benestanti familiari della ragazza per la sua liberazione.

Tutto questo è successo il 29 novembre scorso e, il giorno dopo, sono partite le indagini delle forze dell’ordine italiane, grazie alla immediata denuncia presentata dalla famiglia della ragazza rapita. l carabinieri in collaborazione con la polizia marocchina, hanno così organizzato la trappola per i rapitori, che intanto avevano concordato, con la famiglia che fingeva di stare al gioco, il pagamento del riscatto.

Si è così presentata, all’appuntamento con uno dei sequestratori, la polizia marocchina, che ha avuto buon gioco poi nell’individuare il luogo dove la ragazza era tenuta prigioniera, già da una settimana, liberarla ed arrestare alcuni sequestratori, ex fidanzato compreso.

Nei giorni scorsi infine, a Milano, i carabinieri hanno individuato ed arrestato, su disposizione della procura distrettuale antimafia di Venezia, anche l’ultimo complice del sodalizio, ritenuto per altro l’ideatore del sequestro. E’ Hamid Chouichou, 38 anni, anche lui marocchino ed anche lui domiciliato nel milanese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità