ProvinciaVicenzareport

Linea Bassano-Venezia sempre più in emergenza

“Non è più accettabile che il servizio di collegamento ferroviario tra Bassano del Grappa e Venezia presenti continuamente situazioni di forte penalizzazione per i pendolari e per tutti i cittadini che scelgono il treno per muoversi”. E’ il concetto che è stato espresso con forza, questa mattina, dai sindaci dei comuni veneti che si trovano sulla linea ferroviaria in questione. Lo hanno fatto durante una riunione che si è tenuta a Castelfranco Veneto e che ha visto la partecipazione dei primi cittadini di Bassano, Cassola, Castel di Godego, Castelfraco Veneto, Resana, Piombino Dese, Trebaseleghe, Noale, Salzano, Martellago e Spinea.

Tra l’altro, la riunione si teneva proprio mentre si verificava, oggi, un ennesimo disguido sulla linea ferroviaria Bassano-Venezia, un po’ a testimonianza della situazione ormai di emergenzia in cui si trova la linea. Sindaci dunque sul piede di guerra e determinati ad andare avanti. Per questo si ritroveranno di nuovo, il prossimo 29 gennaio, sempre a Castefranco, per definire proposte tecniche da presentare alla Regione Veneto e da attuare a breve, medio e lungo termine.

Sono infatti convinti che solo la diretta partecipazione delle comunità locali possa contribuire a far svolgere alla linea Bassano Venezia il ruolo fondamentale assegnatole dal sistema regionale ferroviario metropolitano. Tutto questo anche in considerazione dell’ampio bacino di utenza che gravita direttamente ed indirettamente sulle stazioni e le fermate della linea Bassano Venezia

“E’ la prima volta – ha sottolineato il sindaco di Bassano, Riccardo Poletto, – che noi amministratori dei comuni interessati alla tratta Bassano-Venezia ci riuniamo per dare voce alle nostre comunità su questo tema. Faremo, a breve, le nostre proposte, sia alla Regione che alle società che gestiscono una la rete e l’altra i treni, per risolvere i numerosi problemi della tratta ferroviaria in maniera strutturale. Dobbiamo favorire l’utilizzo del mezzo pubblico rispetto all’auto privata”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button