Breaking News

Danza, “La bisbetica domata” in diretta dal Bolshoi

Riprendono gli appuntamenti al Cinema al Ridotto del Teatro Comunale di Vicenza, con gli spettacoli trasmessi in diretta dai più prestigiosi teatri del mondo. I prossimi titoli in programma sono, come sempre di grande appeal, nuove produzioni di danza classica e opera lirica. Si parte domenica 24 gennaio, alle 16, con “La bisbetica domata”, balletto in due atti, ispirato all’omonima commedia di William Shakespeare, trasmesso in diretta via satellite dal Teatro Bolshoi di Mosca. Musica di Dmitri Shostakovich
, coreografia di Jean-Christophe Maillot. Si tratta di una nuova produzione del Bolshoi, con una trama ripresa da quel testo shakespeariano che affascina da secoli autori e pubblico grazie all’intreccio, alla fervida fantasia, all’allegria che contiene e al gioco dei rapporti tra uomo e donna.

Come è noto, la vicenda è ambientata nella Padova del sedicesimo secolo. Il ricco Battista non vuole concedere la mano della figlia minore Bianca finché non si sarà maritata la maggiore Caterina; tanto la prima è docile e amabile, tanto la seconda è bisbetica e intrattabile. I corteggiatori di Bianca convincono il veronese Petruccio a corteggiare Caterina, sperando che il matrimonio di questa permetta finalmente anche a Bianca di prendere marito. In Petruccio Caterina troverà un marito capace di tenere testa alla sua indole irascibile, grazie all’amore. Sarà invece lo studente Lucenzio, travestitosi da istitutore, a far breccia nel cuore di Bianca.

“Con il personale adattamento della commedia di Shakespeare – si legge in una nota di presentazione -, pensato per i ballerini del Bolshoi, il coreografo Jean-Christophe Maillot mette in scena due ore magnetiche di danza continua, evidenziando l’audacia e l’energia del Bolshoi in un modo completamente nuovo. In occasione delle numerose celebrazioni per i quattrocento anni dalla morte di Shakespeare, la grande stagione del balletto del Bolshoi di Mosca partecipa dunque alla ricorrenza con questa nuova produzione ispirata a uno delle opere più popolari del grande bardo, proponendo un balletto narrativo che non finisce di emozionare, grazie al perfetto connubio tra danza e drammaturgia, virtuosismo ed emozione”.

Il secondo appuntamento al Cinema del Rodotto è invece con la grande lirica, con l’opera romantica e struggente per antonomasia, “La Traviata” di Giuseppe Verdi, trasmessa in diretta via satellite dalla Royal Opera House di Londra giovedì 4 febbraio, alle 19.45, direttore d’orchestra Yves Abel, regia di Richard Eyre. “La Traviata” è una delle opere più conosciute di Giuseppe Verdi e con “Il trovatore” e “Rigoletto” fa parte della cosiddetta trilogia popolare. E’ un’opera in tre atti, su libretto di Francesco Maria Piave, ispirata al romanzo “La signora delle camelie” di Alexandre Dumas figlio.

Il dramma lirico, tra i più conosciuti e popolari della produzione verdiana, racconta la complicata storia d’amore fra Alfredo, giovane di onorata famiglia, e Violetta, bella e intrigante mondana parigina, che per la prima volta si innamora davvero. Il loro amore viene però ostacolato dai pregiudizi sulla donna del padre di Alfredo, Giorgio Germont. Violetta lascia Alfredo e per amore non gli rivela che la fine della loro relazione è stata imposta dal padre. I due innamorati saranno riuniti dalla verità e dall’amore sincero solo qualche minuto prima della morte, per tisi, di Violetta. L’allestimento tradizionale de “La Traviata” di Richard Eyre è una delle produzioni più popolari della Royal Opera House. Violetta Valéry, sicuramente una delle più celebri eroine della storia dell’opera, ha la voce della soprano russa Venera Grimadieva.

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *