giovedì , 29 Aprile 2021

Coldiretti Vicenza: “Sempre più giovani in agricoltura”

La tradizione nelle mani dei giovani diventa opportunità per il futuro. Ha preso il via per questo, oggi pomeriggio, alle 14 nella sede provinciale di Coldiretti Vicenza, in via Zamenhof 697, il corso #impresaduepuntoterra. Sono venti i ragazzi vicentini, selezionati attraverso un bando del Ministero delle Politiche agricole e forestali, che frequenteranno la sessione formativa per sviluppare la propria idea imprenditoriale in ambito agricolo. Sono giovani che non provengono, per forza di cose, dal mondo agricolo, ma che potrebbero sfidare, in futuro, l’Oscar Green, il concorso annuale che premia le idee più fresche ed innovative promosse dagli agricoltori italiani.

“I giovani, animati dalla passione, stanno iniziando a cimentarsi in lavori che un tempo non consideravano affatto, poiché li reputavano umili e poco remunerativi” sottolinea Martino Cerantola, presidente provinciale di Coldiretti Vicenza. E’ infatti la stessa Coldiretti giovani impresa, attraverso il suo ente di formazione, Inipa, a promuovere questo fresco progetto formativo. In tutto sono previsti quattordici piani formativi, composti da due corsi ciascuno, per complessivi 28 corsi in sei regioni, tra cui il Veneto.

I piani formativi predisposti hanno lo scopo di promuovere attività di impresa per giovani che sono inseriti o intendono avvicinarsi al lavoro nel settore agricolo. A loro si vuole dare la consapevolezza della sfida che li attende in termini di domanda di beni e servizi da parte di un mercato in continua evoluzione. Il corso è gratuito e rappresenta una valida opportunità, tanto da aver raggiunto in breve tempo il numero massimo di partecipanti previsto, a significare che i giovani vicentini sanno cogliere il momento propizio.

La frequentazione del corso, il cui titolo è “Creazione e sviluppo d’impresa”, prevede la partecipazione a sei giornate di formazione, incluso un momento di visita ad un’azienda agricola vicentina particolarmente significativa. Tra i temi trattati vi saranno la salvaguardia delle produzioni locali e del made in Italy, le politiche europee e nazionali per le imprese agricole, aspetti tecnici quali l’uso di attrezzature e l’accesso al credito, lo sviluppo rurale del nuovo Programma di sviluppo rurale e le opportunità che questo mondo offre ai giovani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità