Breaking News

Basket, il Famila Schio fatica con Battipaglia

Faticosa vittoria in trasferta, ieri sera, per il Famila Wuber Schio nella prima giornata di ritorno di Almo nature cup. Al PalaZauli, le ragazze di coach Mendez hanno superato la Givova Convergenze Battipaglia, PB63 Lady, per 66-77, soprattutto grazie ad una immensa Anderson, autrice di 23 punti. Bene anche Walker e Yacoubou, che ha messo a referto una doppia doppia (15 punti e 11 rimbalzi).

Schio inizia il match in modo zoppicante, mentre le padrone di casa attaccano il campo con caparbietà e, grazie a Gray e Boyd, si portano sul 6-2. Le scledensi riescono ad impattare solo a metà frazione, 8-8. Poi, grazie al giro e tiro di Yacoubou, mettono la testa avanti, 10-12. Nell’azione successiva, però, Boyd, ripristina la parità, 12-12. A un minuto dalla fine, la contesa è di nuovo in equilibrio, 17-17, ma una zampata delle biancoarancio salernitane, trascinate, ancora una volta, dalla guardia statunitense, fa sì che la prima frazione si chiuda sul 23-17 in loro favore.

Dopo la minipausa, Bestagno e Masciadri limano il ritardo, 23-21, anche se una tripla, della capitana Orazzo, vale il 26-21. Con Tagliamento in panchina per problemi ad un piede, Battipaglia perde un po’ di smalto e si fa acchiappare, 28-28. Sul 29-28, poi, la Convergenze smarrisce la bussola. Schio coglie al volo questa occasione e fa un balzo in avanti, 29-37. Tagliamento rientra in campo e la musica cambia. L’ala salernitana diventa il faro della squadra. Colpisce da tre, da due, ma si dimostra anche un’ottima regista, cogliendo, al momento giusto, i tagli dentro l’area delle compagne. Alla fine dei primi venti minuti di gioco, il tabellone è fermo sul 36-41.

La sosta negli spogliatoi è corroborante per le Lady, che raggiungono le ospiti, 41-41. Se per le biancoarancio è Tagliamento a caricarsi la squadra sulle spalle, il Famila è sostenuto da Anderson. In due minuti, la guardia scledense costruisce un 8-0 che ammutolisce il pubblico del PalaZauli, 41-49. Yacoubou, marcata stretta da Gray, fa valere forza e centimetri e firma il 43-52. Sono ancora nove i punti di scarto tra le formazioni, 50-59, quando Tagliamento insacca da tre, 53-59. Prima della terza sirena c’è ancora tempo per i tiri liberi di Treffers. L’olandese, però, fa solo 1/2, 54-59.

L’ultimo quarto è aperto dalla giovanissima Andrè, classe 1998, 56-59. Masciadri, lasciata libera in area, Ress e Gatti, fanno camminare Schio, 56-65. Gray, marcata da Yacoubou, trova il canestro, 58-65. Dall’altra parte del campo, i ruoli si invertono ed è la pivot franco beninese ad insaccare, 58-67. La PB63 avrebbe tutto il tempo per recuperare, ma si intestardisce troppo a cercare Gray sotto il tabellone. Il Famila, che mostra più varietà nelle scelte offensive, raggiunge la doppia cifra di vantaggio, 58-70. Boyd riapre i giochi, 61-70, ma una Anderson da dieci e lode, insacca il suo ventitreesimo punto, 61-72. Tagliamento sfrutta il blocco delle compagne e trova il fondo della retina, 63-72. A un minuto dalla fine, le venete sono a +10, 64-74. I falli sistematici della Convergenze mandano in lunetta le arancioni, che chiudono la contesa sul 66-77.

BATTIPAGLIA: Trimboli ne, Orazzo 3, Tagliamento 18, Bonasia, Treffers 11, Russo, Ramò, Boyd 16, Gray 12, Andrè 6, Costa

SCHIO: Yacoubou 15, Gatti 5, Sottana, Battisodo 2, Anderson 23, Masciadri 8, Walker 10, Zandalasini 4, Ress 4, Macchi ne, Bestagno 6

Ecco gli altri risultati della tredicesima giornata:

  • Orvieto – Sesto San Giovanni 74-62
  • San Martino di Lupari – Napoli 75-54
  • Cagliari – Ragusa 66-81
  • Vigarano – Torino 58-67
  • Parma – Venezia 58-56
  • Umbertide – Lucca 68-75

CLASSIFICA: Ragusa e Lucca 26, Schio 24, Venezia 20, San Martino di Lupari 16, Napoli 14, Umbertide e Parma 12, Torino e Battipaglia 10, Orvieto 8 Sesto San Giovanni, Vigarano e Cagliari 6

Ilaria Martini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *