Breaking News

Basket, il Beretta Schio supera la Dynamo Kursk

Fondamentale successo per il Beretta Famila Schio al PalaRomare. La vittoria arancione di questa sera, per 79-72, contro la Dynamo Kursk, nella terza giornata di ritorno del girone A di Eurolega, vale il secondo posto in classifica. In virtù di questo risultato, poi, le italiane sono in vantaggio negli scontri diretti con le russe, visto che, all’andata, le ragazze di coach Vetra vinsero con cinque punti di scarto, 63-58, mentre oggi, il passivo che hanno incassato è di sette lunghezze. “Abbiamo iniziato con l’approccio giusto – ha commentato l’allenatore scledense, Mendez -, con la giusta intensità, aggressività e motivazione, senza patire, nel corso della partita, cali vistosi. Insomma abbiamo giocato bene dall’inizio alla fine”.

Schio inizia il match delle 20.30 con il piglio giusto, con un 8-2 in scioltezza. Sembra tutto troppo semplice, infatti le arancioni subiscono il ritorno della Dynamo, che a metà frazione impatta sull’8-8. Il Beretta raggiunge poi il massimo vantaggio, 23-14, ma gli ultimi due giri di lancette sono appannaggio delle biancoblù, che accorciano con Jekabsone e Augustus, 23-19.

Alla ripresa del gioco, in due minuti, non solo Kursk trova il pareggio, 25-25, ma la tripla di Jekabsone, vale anche il +3, 25-28. Il parziale di 2-9 con cui le russe hanno aperto il secondo quarto, induce Mendez a correre ai ripari con un time out. Al ritorno sul parquet, Masciadri sigla il 28-28 e poi, anche se il Beretta fatica un po’ in attacco e lascia troppa libertà di movimento nel pitturato alle biancoblù, con Zandalasini e Gatti, riesce comunque a portarsi in testa. Alla pausa lunga, infatti, Schio conduce per  41-38.

Schio inizia bene la terza frazione, non solo per il break di 7-2 rifilato alle russe, 48-40, ma soprattutto per la concretezza e la determinazione che mostra in campo. Ancora otto lunghezze separano i due quintetti sul 52-44, quando Miyem e Jekabsone trovano due conclusioni pesanti, 52-50. Ma una nuova accelerata delle arancioni permette loro di recuperare il terreno perso e di andare all’ultima mini pausa sopra di 6, 60-54.

Dopo l’entrata vincente di Miyem, 60-56, Ress insacca la sua seconda tripla della serata, 63-56. Ad accorciare le distanze ci pensa Ogwumike, che troppe volte viene lasciata libera sotto canestro, 63-58. Ma l’ottimo lavoro difensivo di Walker, pronta ad intercettare i passaggi delle ospiti per lanciare in contropiede le compagne, la precisione di Zandalasini e l’accorta regia di Sottana e Gatti, permettono alle scledensi di allungare e di accumulare 11 lunghezze di vantaggio, 71-60. Sul 77-69, a 45” dalla fine, le arancioni rischiano di vanificare il buon lavoro fatto finora. L’esito della gara non è in discussione, ma, per assicurarsi il vantaggio negli scontri diretti, il Beretta deve vincere con più di cinque punti di scarto, e la realizzazione dall’arco dei 6.75 di Jekabsone a 5” dalla fine, 77-72, complica le cose. Per fortuna, però, Yacoubou sbriga la faccenda con un canestro, 79-72, che fa esplodere il PalaRomare.

SCHIO: Yacoubou 19 Gatti 5, Sottana 14, Battisodo ne, Anderson 11, Masciadri 3, Lisec 2, Walker 7, Zandalasini 10, Ress 8, Macchi ne, Bestagno ne

KURSK: Eldebrink, Harding 4, Miyem 11, Vidmer 6, Cheremisina ne, Jekabsone-Zogota 23, Sapova ne, Osipova, Ogwumike 19, Augustus 9, Levchenko ne

Ecco gli altri risultati del girone A:

  • Galatasaray – Kosice 69-57
  • Avenida – Sopron 74-60
  • Fenerbahce – ESBVA-LM 77-54

Classifica: Fenerbahce 19, Schio 17,  Kursk e Galatasaray 16, ESBVA-LM 15, Avenida e Kosice 13, Sopron 11

Ilaria Martini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *