Breaking News

Vicenza, più controlli sul degrado in via Firenze

Via Firenze, a Vicenza, sorvegliata speciale nella lotta al degrado. Ai controlli quotidiani della Polizia locale in quella zona, si aggiungeranno, con lo scopo di mantenere alta la pressione per consolidare i buoni risultati raggiunti in materia di sicurezza, il potenziamento dell’illuminazione pubblica e l’installazione di nuove telecamere. Oggi, inoltre, il sindaco della città, Achille Variati, ha annunciato la firma di una nuova ordinanza che vieta la vendita di alcolici, per altri venti giorni, al negozio Divbo Store, proprio in via Firenze. Si tratta di una proroga del provvedimento emesso il 21 novembre.

“La prima ordinanza – ha spiegato Variati – ha portato risultati soddisfacenti. A novembre la Polizia locale ha constatato una diminuzione della presenza di sfaccendati che sostavano in quella via per bere gli alcolici appena acquistati. Da quando è stato emesso il provvedimento del 21 novembre, i poliziotti hanno effettuato quarantadue controlli tra via Firenze, via Milano e via Torino, identificando undici soggetti. Sono state elevate tre sanzioni per consumo di alcol, una cifra dieci volte inferiore rispetto a quella registrata prima della firma”.

La proroga dell’ordinanza consentirà di ottenere nuovi risultati nella lotta al degrado in quella zona, che ha compiuto dei passi in avanti anche grazie all’espulsione di extracomunitari che erano stati segnalati alla Questura, in quanto più volte sanzionati per la mancata osservanza di leggi e regolamenti. “La Polizia locale, anche in borghese – ha assicurato Variati – continuerà a lavorare, in collaborazione con la Questura, per monitorare la situazione e raggiungere l’obiettivo del rimpatrio forzato di soggetti che a Vicenza delinquono”.

“Il divieto di vendita di alcolici nel Divbo Store – ha concluso l’assessore alla sicurezza, Dario Rotondi –  vuole dimostrare che, anche in quella zona, lo Stato è presente. Questo infonde fiducia e sicurezza nei commercianti e nei residenti, per la maggior parte stranieri, che collaborano con noi per migliorare lo stato di quell’area, anche con il recente contributo per allestire le luminarie natalizie. Accanto a questo, abbiamo aumentato del 50% la potenza dell’illuminazione pubblica, integrato il numero di telecamere presenti e, per finire, proseguiremo con i controlli e con le espulsioni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *