Vicenza

Vicenza, omaggio dei Vigili del Fuoco per Santa Barbara

I vigili del fuoco hanno celebrato oggi, in tutte le sedi, la ricorrenza della festa di Santa Barbara, Patrona del Corpo nazionale. Cerimonie si sono svolte questa mattina nei comandi provinciali del Veneto, e altre vi sono state nel pomeriggio. Particolare la celebrazione a Vicenza. Dopo la cerimonia religiosa celebrata dal vescovo di Vicenza, Beniamino Piziol, presso la chiesa dei Servi, si è svolto un saggio tecnico in Piazza dei Signori.

I pompieri vicentini hanno montato in contemporanea due scale controventate (la cosa consiste nel mantenere perpendicolare al terreno la scala senza appoggi, mediante due funi annodate a un intermedio e tenute per i quattro capi da altrettanti operatori) e due vigili sono saliti fino alla sommità montando a cavallo della cimetta a oltre 10 metri da terra. Infine i vigili del fuoco specialisti de Saf (Speleo alpini fluviali) si sono calati dalla torre Bissara svolgendo un drappo tricolore lungo 24 metri e largo 4. Sono circa 50 mila gli interventi effettuati quest’anno dai vigili del fuoco del Veneto, in linea con i dati dello scorso anno. Di questi 5 mila sono sono stati fatti nel territorio del comando di Vicenza.

E sulla giornata di oggi, in città, dei vigili del fuoco, è intervenuto anche il sindaco di Vicenza, Achille Variati. “A nome della città e del territorio di Vicenza – ha detto -, ringrazio l’intero corpo dei vigili del fuoco per il lavoro competente e generoso svolto giorno e notte a servizio della comunità. Tutti noi ben conosciamo ed apprezziamo l’impegno dei vigili del fuoco in tema di prevenzione, educazione, certificazione degli impianti e, ovviamente, di soccorso a difesa della vita delle persone e a protezione dei beni. E’ significativo che quest’anno la festa di Santa Barbara sia stata celebrata con questa splendida esercitazione sulla torre civica, simbolo di Vicenza, a sancire il profondo legame di affetto e riconoscenza che lega la città ai suoi vigili del fuoco”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button