Senza categoria

Vicenza nell’antica via di pellegrinaggio Romea Strata

Vicenza entra a far parte della Romea Strata, il progetto di rilancio dell’antica via percorsa dai pellegrini cristiani che, partendo dalla Polonia e attraversando l’Austria e i Balcani, raggiungevano l’Italia attraverso il Friuli Venezia Giulia, percorrevano Veneto, Emilia Romagna e Toscana, per confluire nella via Francigena e raggiungere quindi Roma. L’iniziativa, promossa per il nostro territorio dall’Ufficio pellegrinaggi della diocesi, è stata accolta oggi dalla giunta comunale di Vicenza, su proposta del vicesindaco e assessore alla crescita Jacopo Bulgarini d’Elci. La Romea Strata entra nel territorio comunale di Vicenza da Costabissara e da Altavilla Vicentina, attraverso due percorsi che confluiscono in Duomo, per poi uscire a sud verso Longare.

“Abbiamo aderito con interesse a questa iniziativa, e alla rete europea che la sta sviluppando, – ha spiegato Bulgarini d’Elci – perché a livello internazionale è in costante crescita la valorizzazione dei percorsi di fede che, in questi ultimi anni, si sono trasformati anche in percorsi turistici veri e propri. Si tratta di itinerari ricercati non solo da fedeli mossi da motivazioni spirituali, ma anche da viaggiatori alla ricerca di esperienze che consentano di visitare il territorio in modo più lento e approfondito rispetto alle vacanze tradizionali”.

L’adesione al progetto, del resto, ben si sposa con la volontà dell’amministrazione comunale del capoluogo di intercettare i consistenti flussi di turismo religioso che da sempre interessano la Basilica di Monte Berico. “In vista dell’apertura del Giubileo – ha ricordato il vicesindaco -, che a Vicenza promuoverà non solo la porta sacra di Monte Berico, ma anche quella del Duomo, cercheremo di attrarre i pellegrini mariani verso il cuore cittadino, proponendo in primis la chiesa di Santa Corona che, per la sua storia e le opere che ospita, rappresenta una straordinaria occasione per una visita sia religiosa che culturale”.

E non è tutto, nell’autunno dell’anno prossimo il Comune collaborerà con l’Istituto superiore di scienze religiose di Monte Berico nell’ospitalità di un convegno internazionale sul turismo religioso, mentre è già allo studio un progetto quadriennale di esposizioni che prevede anche la valorizzazione dei percorsi del sacro presenti nel territorio.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button