giovedì , 21 Ottobre 2021
Vicenza e provincia in breve

Vicenza e provincia in breve

Vicenza, Forza Nuova: “Non c’entriamo con il volantino omofofobo” –

Forza Nuova e gli altri movimenti di destra prendono le distanze dal volantino omofobo diseminato per Vicenza nelle ore che hanno preceduto la manifestazione per i diritti civili che si è tenuta ieri in città. “Di fronte all’ennesima, inutile e poco partecipata manifestazione targata Lgbt  – si legge in una nota – andata in scena sabato pomeriggio a Vicenza, appoggiata dall’amministrazione comunale e dal Movimento Cinque Stelle, i movimenti Forza Nuova, Rudis, Mis e Sovranità e difesa sociale, rappresentanti la destra vicentina, hanno scelto di evitare la solita contrapposizione ideologica, che tanto fa gioco alla stampa e ai nostri avversari poltici. Evidentemente spiazzati, temiamo che alcuni buontemponi, abbiano inscenato una bella sceneggiata per ritagliarsi visibilità e permettere ai vari Seibezzi e Dalla Pozza esternazioni tipiche da ragazzini dei centri sociali. Cosa peraltro già successa in passato. Ma tant’è, è evidentemente chiara la nostra condanna verso chiunque abbia ideato questo stupido gesto. Piuttosto rinnoviamo ancora una volta alle associazioni Lgbt l’apertura ad un dibattito e ad un serio confronto sulla Teoria gender, scevro da stupidi radicalismi ideologizzati”.

Pedemontana Veneta, l’attività della magistratura continua –

“Apprendiamo con soddisfazione che il lavoro dei magistrati contabili prosegue nella verifica delle denunce presentate sulla Pedemontana Veneta”. Sono parole del senatore vicentino del Movimento 5 Stelle Enrico Cappelletti, commentando la notizia che ieri, il magistrato Antonio Mezzera della Corte dei Conti di Roma, ha presentato una relazione con cui ufficializza i rilievi di illiceità e di rischio del mercato sbilanciato a sfavore della parte pubblica. “La nostra soddifazione – continua Cappelletti – è ancor più grande perchè il Movimento 5 Stelle, in questa battaglia, è sempre stato accanto ai cittadini. Abbiamo presentato l’esposto alla Corte dei Conti, preoccupati dall’impatto che quest’opera inutile può avere sul territorio, e mi compiaccio che se ne stiano accorgendo anche nelle sedi opportune”.

Vicenza, M5S: “sul bilancio partecipato ha fallito l’intera giunta”

“Sul bilancio partecipativo è l’intera giunta comunale di Vicenza ad aver fallito assieme ai partiti che la sostengono e non un solo assessore”. Così il consigliere comunale M5S di Vicenza Daniele Ferrarin, che ricorda anche ai consiglieri comunali di maggioranza che “la gestione del Bilancio Partecipativo è stata una mozione votata all’unanimità in Consiglio comunale ed è prevista non solo dallo statuto ma anche dal programma elettorale della maggioranza.  Tale voto unanime però è rimasto inattuato, senza la minima reazione nelle sedi istituzionali. Ora si cerca il capro espiatorio con richieste di avvicendamento all’assessorato alla partecipazione. Queste richieste sono la prova di come la politica vecchia maniera non sia mai scomparsa. Si preferisce agire nei corridoi, sedi, salotti e salottini, dove poche persone decidono per tutti e dove l’unico obbiettivo è salvaguardare se stessi e lo status quo. Questo è il quadro in cui si cimenta il plurincaricato sindaco di Vicenza. Abbiano il coraggio i consiglieri, la partitocrazia, le cosiddette liste civiche, di prendersi la loro responsabilità e riportare il confronto nelle sedi istituzionali in modo libero, rispondendo solo agli impegni presi con gli elettori”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità