Breaking News

Vicenza, finanziamenti per l’edilizia pubblica

Recupero e manutenzione per molti alloggi di edilizia residenziale pubblica in agenda, nei prossimi due anni, a Vicenza. Tra il 2016 e il 2017 saranno infatti disponibili 120 appartamenti rinnovati, mentre saranno 66 quelli che verranno ristrutturati nel corso del solo 2016. Questo sarà possibile grazie ad un finanziamento richiesto dal Comune di Vicenza alla Regione Veneto, che distribuisce a sua volta fondi messi a disposizione dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti. Il costo complessivo dei lavori nei 66 appartamenti con i quali si comincerà è di 626 mila euro (comprendendo le spese tecniche si arriva a 824 mila). Il Comune riceverà 424 mila euro dalla Regione pari al 68% dell’importo totale. L’alta somma finanziata è dipesa dal fatto che il Comune ha acquisito un elevato punteggio per essersi esposto con un elevato finanziamento che sarà pari a 202 mila euro.

Gli interventi sugli alloggi di Edilizia residenziale pubblica sono stati presentati oggi a palazzo Trissino dagli assessori alla cura urbana Cristina Balbi e alla comunità e alle famiglie Isabella Sala. “Abbiamo partecipato – ha spiegato Cristina Balbi – a bandi regionali pluriennali che ci hanno consentito di avere finanziamenti per due tipologie di recuperi. La prima è quella relativa a lavori di costo inferiore ai 15 mila euro, da svolgersi in breve tempo (60 giorni), che riguardano 66 appartamenti. L’altra è riferita a lavori da 15 a 50 mila euro finalizzati all’efficientamento energetico, alla messe in sicurezza delle strutture, al superamento della barriere architettoniche, con tempi di realizzazione più lunghi, e riguarda 54 appartamenti, già individuati, per il valore di circa un milione di euro e per i quali abbiamo ottenuto il finanziamento regionale par al 68%”.

“E’ nostra intenzione – ha aggiunto l’assessore – partecipare anche ai bandi regionali per i prossimi anni per i quali abbiamo già somme a disposizione da investire. Per poter usufruire del finanziamento, essendo ristretti i tempi di realizzazione, abbiamo diviso i 66 appartamenti in tre lotti dove le imprese potranno lavorare contemporaneamente. L’individuazione dei 66 appartamenti si è rivelato un lavoro impegnativo avviato all’inizio del 2015 e che ha coinvolto in un rapporto di stretta e proficua collaborazione vari soggetti: gli uffici lavori pubblici, patrimonio, servizi sociali ed edilizia abitativa e Aim Amcps in qualità di gestore del patrimonio Erp”.

“E’ una bella notizia di fine anno – ha detto, da parte sua,  Isabella Sala – aver ottenuto il finanziamento in tempi rapidi. Gli appartamenti a disposizione dei cittadini sono 1499 del Comune e 1240 di Ater: il nostro impegno è rivolto al recupero degli appartamenti comunali sfitti che necessitano di ristrutturazioni. La necessità di case è evidente dalle 798 domande pervenute al recente bando Erp, sebbene si sia rivelato un calo del 14% rispetto al bando precedente, un calo che può essere dovuto a vari fattori che emergeranno nell’analisi delle domande. E’ importante segnalare anche un altro dato positivo, cioè l’aumento del 19% dei contratti agevolati o a canone concordato: nel 2014 erano 687, nel 2015 sono 820. Evidentemente una risposta al bisogno abitativo è trovata da numerose famiglie anche nel mercato privato calmierato dal pubblico”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *