Breaking News

Thiene, un’app per gestire le richieste di aiuto

È disponibile da oggi, per i cittadini di Thiene che ne faranno richiesta, un nuovo tecnologico servizio, per gestire, con tempestività, le loro richieste di soccorso da inoltrare a familiari, ad amici, ma anche al soccorso di emergenza. Si tratta di HelpMeFriend, un’applicazione sviluppata dalla società di consulting engineering Ceremit srl di Thiene, che si basa su un sistema Android e che andrà installata su smartphone o tablet. Per scaricare l’applicazione è necessario andare sul sito www.helpmefriend.com, oppure accedere al download su playstore dal sito del Comune. Prossimamente verrà sviluppata anche la versione per Iphone e ci sarà la possibilità di connettere dispositivi indossabili, come braccialetti e orologi smart.

Come detto, il servizio HelpMeFriend è nato per comunicare ai soccorritori, in maniera rapida ed efficace, una richiesta di aiuto che può riguardare problemi di salute, violenza, incendi e fughe di gas, atti di bullismo, furti, rapine e, ancora, tutti quei casi in cui la rapidità dei soccorsi è essenziale per salvare la vita alle persone in pericolo.

Come funziona, in concreto, questa applicazione? Dopo aver attivato l’allarme di una delle tre categorie a disposizione (incendio, salute, violenza), HelpMeFriend trova i soccorritori e invia loro una richiesta di assistenza, corredata di nominativo, tipo di problema, posizione (anche all’interno dei fabbbricati) e percorso per raggiungere la persona bisognosa di aiuto. Contemporaneamente, vengono anche avvertiti i servizi di emergenza pubblica, attivando in automatico una chiamata di emergenza e mettendo il telefono in vivavoce.

“E’ un servizio fornito in anteprima dal Comune di Thiene – ha dichiarato l’assessore all’Urp e innovazione tecnologica, Giampi Michelusi – che, attraverso un sistema facile ed intuitivo indirizzato a tutta la popolazione, riesce a gestire vari tipi di soccorso. La tecnologia può facilitare la vita anche dal punto di vista della sicurezza e della salute”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *