Breaking News

Thiene, entro l’anno il bilancio di previsione 2016

Anche quest’anno il Comune di Thiene approverà il bilancio di previsione 2016 entri i termini ottimali, ovvero entro la fine dell’anno precedente. Questo garantirà per il prossimo anno una operatività immediata e una migliore programmazione dei servizi e delle opere.  Il bilancio, il quinto dell’amministrazione Casarotto, prevede una riduzione delle tasse per i cittadini, misura certa,ente difficile da concretizzare in anni di tagli nei trasferimenti dallo Stato agli enti locali.

Giovanni Casarotto
Giovanni Casarotto

Basti pensare che negli ultimi quattro anni i trasferimenti al Comune di Thiene hanno subito tagli per 2,6 milioni di euro, una cifra che rappresenta più del 15% delle entrate annuali dell’ente. Senza dimenticare l’Imu, per la quale i thienesi hanno pagato quest’anno 9,5 milioni e mezzo di euromentre ne restano nelle casse comunali solo 5,4 milioni. Lo stato quindi ne trattiene il 45%. “L’abbassamento delle tasse – ha commentato il sindaco thienese – è un primo passo, ancora modesto, se vogliamo, ma che va nella direzione giusta. In tutto, il bilancio di previsione 2016 contiene una riduzione di 360mila euro della tassazione a cittadini e imprese; un segnale che testimonia, dopo tanti anni, un’inversione di tendenza”.

Alberto Samperi
Alberto Samperi

“Il lavoro di attenta analisi delle voci di bilancio – gli ha fatto eco il suo vice e assessore al bilancio, Alberto Samperi, – insieme alla razionalizzazione delle spese ci sta permettendo di approvare un documento contabile in perfetto equilibrio, con qualità dei servizi invariati e minori tasse. Questi risultati non sono casuali, ma frutto di un lavoro di programmazione”. La riduzione della pressione fiscale a Thiene è stata possibile grazie soprattutto a “strategie riguardanti l’acquisizione dei servizi – spiegano gli amministratori -, con gare aperte e maggiore concorrenza nell’offerta, con la razionalizzazione degli acquisti, con economie di scala e con una programmazione più precisa negli stanziamenti di bilancio. A queste voci si aggiungono i risparmi dovuti a contratti di maggiore importo, come per assicurazioni, pulizie stabili comunali e utenze e alla riduzione delle spese del personale”.

“Per fare qualche esempio – spiega ancora il Comune di Thiene -, la gara per l’assicurazione di responsabilità civile è passata da 180mila euro a 140mila euro, quella delle pulizie degli stabili da 150mila a 110mila euro. Non sono stati fatti nuovi debiti e questo ha consentito una sensibile riduzione del residuo debito che in sei anni si dimezzerà passando da 29.714.670 euro all’inizio del 2012 ai 14.097.827 a fine 2018, quando ci saranno 15 milioni di euro in meno di debito. Questo comporta una riduzione del costo delle rate di ammortamento che nel 2012 valevano euro 3.292.664 mentre nel 2016 ammontano a 2.821.133 euro”.

“Risparmi che ci consentono – continua Samperi- di chiedere 360mila euro in meno a famiglie ed imprese. Inoltre, sappiamo che la legge di stabilità 2016, in corso di approvazione, prevedrà l’abolizione della Tasi per l’abitazione principale. Il Comune di Thiene dimezzerà l’aliquota in vigore nel 2015 per i restanti fabbricati, passando dallo 0,8 per mille allo 0,4 per mille, con esclusione delle aree fabbricabili”. L’altra imposta su cui l’amministrazione comunale è intervenuta è la Tari, la tassa sui rifiuti, per la quale è prevista una riduzione di 140 mila euro rispetto al 2015, che è stata attuabile in gran parte grazie al miglioramento della raccolta differenziata, il cui recupero ha prodotto un ristorno per il Comune di 90mila euro, accanto agli altri 50mila ottenuti da minori costi nella gestione del servizio. Inalterate le agevolazioni fiscali già previste negli anni precedenti.

Per quanto riguarda il programma degli investimenti, saranno realizzate opere pubbliche per quasi 2,5 milioni di euro. Continuerà l’ammodernamento della rete di illuminazione pubblica, ed anche la manutenzione straordinaria della rete viaria cittadina. Si prosegue con la posa della fibra ottica, che andrà a servire le due frazioni di Santo-Lampertico e Rozzampia. Vi sarà anche attenzione per il mondo scolastico e sportivo, con la progettazione di una piastra sul retro del Padiglione Fieristico, su cui si potranno svolgere diverse attività sportive a servizio della Cittadella degli studi. Manutenzioni straordinarie sono previste per le due sedi comunali, con il rifacimento del tetto del Municipio (230mila euro), mentre l’ex Pretura dove si trovano gli uffici tecnici comunali, registrerà un intervento di adeguamento sismico.

Si rinnova l’attenzione per le aree verdi cittadine, con la progettazione definitiva dell’attuale parcheggio sterrato di Villa Fabris: sarà eliminata la parte a parcheggio parallela a via Damiano Chiesa, mentre si ricaveranno circa 80 posti lungo il parcheggio di p.le Divisione Acqui, con una progettazione compatibile ed adeguata al contesto ambientale in cui questo spazio è inserito. Non entrano nel Piano delle opere, ma comunque sono finanziati e verranno realizzati nel corso del 2016, tutti gli interventi minori di manutenzioni quotidiane o piccoli cantieri, capaci di migliorare la città o di mantenerla bella, decorosa e sicura, come il rifacimento della segnaletica stradale, la manutenzione di edifici quali la Galleria d’Arte Moderna e la manutenzione straordinaria del verde.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *