mercoledì , 15 Settembre 2021

Schio, pronta la stagione concertistica 2016

Presentata la stagione concertistica 2016 dell’Accademia musicale di Schio, che avrà Dario Balzan come direttore artistico e Filippo Maria Bressan, come direttore “in residence”, per il periodo 2015-2018. La rassegna, che inizierà a gennaio e si concluderà a maggio, prevede in totale, sei date. Cinque appuntamenti andranno in scena al Teatro civico ed uno nel Duomo di San Pietro.

Il cartellone 2016 sarà inaugurato mercoledì 6 gennaio, alle 17, proprio al Teatro civico, quando all’orchestra dell’Accademia musicale si accompagnerà, come solista, Alessandro Carbonare, primo clarinetto dell’orchestra dell’Accademia nazionale di Santa Cecilia e professore all’Accademia chigiana di Siena. In questa pagina è disponibile il programma completo degli appuntamenti in calendario. I biglietti, per il singolo concerto costeranno 18 euro (intero) e 12 euro (ridotto, per i giovani fino a 25 anni, per gli over 60, per gli iscritti all’Accademia musicale e per i loro famigliari). Gli abbonamenti per le sei date sono in vendita alla segreteria dell’Accademia musicale, al prezzo di 60 euro, l’intero, e 40 per il ridotto.

“La stagione – ha spiegato Balzan – può finalmente prendere il via, grazie alla volontà del sindaco e dell’Amministrazione comunale, che hanno dimostrato un impegno concreto nel voler vedere realizzato un progetto culturale completo per Schio. Con il sostegno del Comune, e con la collaborazione della Fondazione del Teatro civico, siamo giunti a definire una nuova stagione, all’insegna della grande musica e della varietà”.

“Il progetto pluriennale che abbiamo definito insieme al direttore artistico – ha aggiunto Bressan – si snoda lungo alcuni temi fondamentali, dei cicli che riproponiamo anche quest’anno: le sinfonie di Beethoven, le Messe da Requiem in memoria della Grande guerra, la linea dello strumento solista e di interpreti di primo piano del panorama internazionale. A questo si aggiungono alcune novità come un’apertura al bel canto, con un galà lirico, che racconterà le pagine più belle della musica francese ed italiana, e un gemellaggio internazionale con le orchestre giovanili di Carinzia, Slovenia e Italia, rappresentata dall’Accademia Musicale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità