Breaking News

Reati in calo sia a Vicenza che nella provincia

Nel territorio vicentino, nel 2014, sono calate del 4,9% le denunce per reati rispetto all’anno precedente. A dirlo è una classifica del quotidiano economico Il Sole 24 Ore, pubblicata ieri elaborando i dati del Dipartimento della pubblica sicurezza del ministero dell’Interno sui reati denunciati provincia per provincia. Nella nostra provincia, lo scorso anno, sono stati denunciati 30.245 reati, pari a 3.478 reati ogni 100 mila abitanti. Questo dato pone Vicenza al 72esimo posto su 106 posizioni,  ben al di sotto della media nazionale pari a 4.627 reati ogni 100 mila abitanti. Per la cronaca, a guidare questa poco invidiabile classifica c’è Milano, con 8.088 reati ogni 100 mila abitanti, mentre all’ultimo posto troviamo Oristano con 2.134 reati ogni 100 mila abitanti.

“Si tratta di dati positivi – ha commentato l’assessore alla sicurezza urbana del Comune di Vicenza, Dario Rotondi –. Sono riferiti al territorio provinciale, ma si tratta di una tendenza che è positiva anche per il comune capoluogo, misurati con numeri reali. Bisogna comunque mantenere alta l’attenzione sul territorio, per rassicurare i cittadini anche per quanto riguarda la percezione della sicurezza. Se i numeri, infatti, ci dicono che il totale dei reati denunciati nel vicentino è in calo e ben al di sotto della media nazionale, è importante che i cittadini si sentano al sicuro. È quindi necessario proseguire lungo il percorso di collaborazione tra i Comuni, la Prefettura e le Forze dell’ordine”.

“Per quanto riguarda il Comune di Vicenza – ha aggiunto Rotondi – , proseguiremo con l’impegno della Polizia locale sulla strada e con le indagini, aumenteremo ulteriormente la videosorveglianza e continueremo a fornire alle Forze dell’ordine elementi utili per individuare i delinquenti e tenerli in galera o, se extracomunitari, espellerli e rimandarli nel Paese di origine. In questo senso è molto utile anche la collaborazione dei cittadini che, con le loro segnalazioni, possono consentire interventi tempestivi ed efficaci”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *