Breaking News

Provincia, ok dei sindaci all’ordinanza contro lo smog

Massima disponibilità, dei sindaci vicentini, ad adottare l’ordinanza contro l’inquinamento atmosferico, firmata questa mattina dal sindaco di Vicenza, Achille Variati. Un coro di sì, dunque, ha ricevuto come risposta la lettera spedita ieri, dal presidente della provincia, Variati, ai primi cittadini, contenente l’invito ad affrontare assieme il problema dell’alta concentrazione di polveri sottili nell’aria.

Maria Cristina Franco, per Costabissara, ha adottato il provvedimento contro lo smog nella giornata di oggi. La maggior parte dei sindaci la sta predisponendo e condividendo con giunta e consiglio, per firmarla nei prossimi giorni, come hanno annunciato Arzignano e i Comuni della Valle dell’Agno e del Chiampo, di Isola Vicentina e di Breganze. Risposte positive sono arrivate anche dai comuni di montagna, Rotzo in testa, i meno colpiti dal problema delle polveri sottili, ma che hanno comunque deciso di condividere la linea, così da rendere forte e compatto il fronte contro l’inquinamento.

“Sono contento – ha commentato Variati – che i colleghi sindaci abbiano colto l’importanza di fare squadra su un tema così importante e lo interpreto come un segno di grande responsabilità verso l’intero territorio, al di là delle logiche dei campanili”.

Ma la questione della lotta contro lo smog non si è conclusa con l’ordinanza e con la risposta positiva degli altri amministratori comunali. Questa mattina, infatti è anche arrivata la convocazione, a Palazzo Balbi, da parte della Regione Veneto, del Comitato di indirizzo e sorveglianza in materia di inquinamento atmosferico, di cui fanno parte rappresentanti delle Province e dei Comuni capoluogo, . Lo scopo dell’incontro programmato per il 30 dicembre, sarà quello di analizzare lo stato della qualità dell’aria del Veneto e di proporre delle azioni da adottare a livello regionale. “Questo coordinamento su ampia scala – ha concluso Variati – è positivo e conferma la bontà del percorso che abbiamo intrapreso a Vicenza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *