Politica

Protesta contro i profughi di Vicenza ai Vicentini

Manifestazione ieri sera, a Vicenza, organizzata dal movimento Vicenza ai Vicentini. Si è tenuta tra Corso San Felice e Viale Torino, con i manifestanti che hanno protestato “contro il degrado – spiegano – in cui è precipitata tutta la città e contro le istituzioni cittadine, colpevoli di essersi arrese e aver anzi incentivato il diffondersi della delinquenza e del degrado”.

Non sono mancati gli affondi nei confronti del prefetto Soldà, giudicato “non idoneo a tutelare e garantire i diritti basilari dei cittadini vicentini”. Coloriti ed espliciti gli slogan scanditi durante la protesta, oltre che ricorrenti nel pensiero della destra movimentista berica. Si andava dal più classico Vicenza ai vicentini a Casa e lavoro prima agli italiani, gridati in un Corso San Felice occupato dai manifestanti in modo comunque composto e ordinato.

“Per un paio d’ore – hanno sottolineato gli organizzatori – il quartiere non ha visto la presenza di spacciatori e prostitute, per qualche ora Vicenza è stata dei vicentini. Invitiamo tutta la cittadinanza a muoversi, scendere in strada, creare comitati spontanei di cittadini ed essere disponibile a dare tutto l’appoggio fisico e militante a coloro che sceglieranno di ribellarsi a questa situazione insostenibile”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button