Breaking News

“Oltre il sogno”, la storia del volo in mostra a Schio

Interessante mostra in corso in questo periodo a Schio, presso lo spazio espositivo Lanificio Conte. Si tratta dell’esposizione dal titolo “Oltre il sogno: dal volo allo spazio”, un percorso che conduce il visitatore nell’antico sogno dell’uomo di volare, dai primi tentativi alle ultime frontiere dell’esplorazione spaziale. La mostra è la prima espressione del progetto “Distretto della scienza e tecnologia”, nato per valorizzare un territorio che, come quello scledense, ha una ricca storia industriale e d’innovazione tecnologica. La mostra, ideata e organizzata da Pleiadi, è espressione della volontà del Comune di Schio
 e del raggruppamento di Schio e Thiene di Confindustria Vicenza, e coinvolge un importante panel scientifico. Offre inoltre al visitatore un’esperienza interattiva ed emozionale.

space-shuttle“Si parte da una dimensione storica e suggestiva – si legge nella presentazione della mostra – che affonda le radici nel mito di Icaro, passando per Leonardo da Vinci fino ad arrivare alle mongolfiere, ai dirigibili e al primo vero volo dei fratelli Wright. La destinazione finale di questo viaggio è lo spazio, affrontato attraverso l’avanzamento tecnologico per arrivare alle attuali frontiere di conoscenza. La mostra spiega i principi fisici alla base del volo e dimostra in modo pratico l’evoluzione della conoscenza umana nel campo aeronautico e aerospaziale. Exhibit, macchine funzionanti, simulatori, pannelli esplicativi, modelli originali e documenti storici rendono comprensibile il tema. Una particolare attenzione è riservata al mondo scuola, con visite guidate e laboratori studiati per ogni ciclo scolastico, dall’infanzia alla secondaria di secondo grado”.

La mostra, che ha aperto i battenti il 18 dicembre e sarà visitabile fino al 30 marzo, si avvale del contributo di un comitato scientifico, formato da studiosi, scienziati, astronauti e piloti, e la collaborazione di importanti istituzioni. In questo contesto l’Aeronautica militare, con la Rete nazionale dei musei aeronautici (di cui fanno parte il Museo storico dell’Aeronautica militare, il Museo dell’Aeronautica Gianni Caproni, il Museo Francesco Baracca, il Parco e Museo del Volo – Volandia e il Museo Piana delle Orme) ha contribuito con prestiti di reperti storici e con la consulenza scientifica per l’ambito aeronautico. Il settore aerospaziale è invece rappresentato, all’interno del comitato, dall’Agenzia spaziale italiana, dall’Istituto nazionale di astrofisica – Osservatorio astronomico di Padova, da Thales Alenia Space, dal Centro di ateneo di studi e attività spaziali “Giuseppe Colombo” – Università degli Studi di Padova, da Genav a.s.d. e da Officina stellare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *