sabato , 16 Ottobre 2021

Blitz a Vicenza: “Piruea Pomari tempo scaduto”

Nuova protesta questa mattina, a Vicenza, del Comitato di cittadini del quartiere Pomari, che da tempo si oppone all’ipotesi di un ampio intervento edilizio previsto nello strumento urbanistico della città. Gli attivisti del comitato, con un blitz, hanno appeso diversi striscioni sotto la sede dell’immobiliare Cosim, società strettamente legata alla Incos Italia, la stessa che prevede quella che i residenti del quartiere definiscono “una devastante colata di cemento”.

“Piruea Pomari tempo scaduto”, questo il messaggio lasciato al costruttore. Infatti, per il giorno 11 marzo, è fissata “la scadenza del piano edilizio – scrive in una nota il comitato – che prevede tre nuovi cantieri incoscienti, e per la città questo è un momento storico, in cui il destino di un’area, concepita inizialmente come il più grande parco urbano di Vicenza ma poi usurpata della sua finalità, può essere riscritto.

“Il dato interessante – proseguono gli attivisti del Comitato Pomari -, come prevede la normativa in materia edilizia, è che una volta scaduti i piani attuativi, questi divengono inefficaci per la parte inattuata: nel nostro caso le aree in questione sono bloccate, e per questo motivo il Consiglio comunale è chiamato a discutere e votare un nuovo Piano urbanistico attuativo per le aree in oggetto, altrimenti al privato non può essere concesso alcun permesso di costruire”.

Per questo, durante la protesta di stamane, è stata presentata anche una lettera spedita ieri al sindaco, alla giunta e consiglieri comunali di Vicenza, nella quale si dice che “l’opportunità da scegliere è quella di riconsiderare l’urbanizzazione dei Pomari, ridando respiro a una delle zone più densamente popolate della città e mettendo le basi concrete per la creazione di un grande parco come è richiesto a gran voce dalla cittadinanza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità