Ashley Walker, con 16 punti è stata la migliore realizzatrice di Schio
Ashley Walker, con 16 punti è stata la migliore realizzatrice di Schio

Basket, il Famila Schio sbatte contro le Mura di Lucca

Secondo passo falso in campionato per il Famila Wuber Schio. Ieri sera le arancioni, senza Yacoubou, bloccata dall’influenza, sono state sconfitte a domicilio, per 47-63, dalla capolista Gesam Gas Lucca, che si conferma, così, prima forza del torneo. Le scledensi, invece, a causa della prestazione sottotono offerta al PalaRomare, in questa decima giornata di andata dell’Almo nature cup, scendono dal secondo al terzo gradino della classifica.

Ma veniamo ad una breve cronaca della gara. Pedersen apre le marcature, 0-2, ma Walker risponde a tono, 2-2. Poi è Dotto a portare in vantaggio le biancorosse, 2-4, ma Lisec decreta la nuova parità, 4-4. L’incontro procede in equilibrio, con botta e risposta, fino al 12-12, quanto La Gesam si affida a Harmon, Dotto e a Pedersen per costruire il +6, 12-18, con cui si chiude questo primo parziale.

In apertura di secondo quarto, Zandalasini accorcia con un bel piazzato, 14-18, poi, però, Lucca prende il largo grazie ad un gioco rapido, ragionato e mai improvvisato, 14-26. Sugli spalti, intanto, il pubblico rumoreggia e accusa i direttori di gara di non usare lo stesso metro per giudicare i contatti sul parquet. Errori arbitrali a parte, le azioni delle arancioni sono macchinose, troppo prevedibili e, spesso, si concludono con un tiro forzato. Le toscane raggiungono il massimo vantaggio, 19-32, e poi, in chiusura di tempo, Schio accorcia con Anderson e Walker, 28-34.

La terza frazione delle scledensi è disastrosa, un 5-21 che permesso alle lucchesi di scavare il solco. Ma andiamo con ordine. Il piglio con cui Lucca torna in campo è battagliero, tanto che infila un 7-0, 28-41, che induce Mendez a chiamare subito un time out, ma poi la Gesam avanza ancora, 28-44. Masciadri e Zandalasini vanno a canestro, 31-44, ma ecco che il Famila si spegne e le biancorosse ridiventano padrone del campo. Il parziale si conclude sul 33-55, ma la nota dolente per le avversarie è l’infortunio della regista Dotto, costretta ad abbandonare anzitempo la partita.

Nell’ultimo quarto, le ospiti pensano più che altro a gestire il corposo vantaggio accumulato. Lo testimoniano i soli 8 punti segnati. Schio, comunque, non è in serata. Tira poco e lo fa pure male. Sul -21, 38-59, un guizzo arancione vale il -14, 45-59, ma il tempo che rimane sul cronometro è poco e le toscane si prendono tutti i secondi a loro disposizione per concludere le azioni offensive. Per il Famila va a bersaglio solo Gatti, mentre Lucca, che lo fa con Pedersen, Reggiani e Crippa, chiude la partita sul 47-63.

SCHIO: Gatti 3, Sottana 2, Battisodo 2, Anderson 9, Masciadri 3, Lisec 5, Walker 16, Zandalasini 4, Ress ne, Macchi 3, Bestagno

LUCCA: Viale ne, Templari 3, Dotto 15, Wojta 4, Reggiani 3, Harmon 13, Crippa 7, Gaeta ne, Mandroni ne, Pedersen 16, Gatti 2

Ecco gli altri risultati:

  • Napoli – Orvieto 73-64
  • Umbertide – Sesto San Giovanni 65-67
  • Vigarano – Cagliari 64-51
  • Battipaglia – Parma 87-81 dts
  • Torino – Venezia 44-63
  • Ragusa – San Martino di Lupari 67-59

CLASSIFICA: Lucca 20, Ragusa 18, Schio 16, Venezia 14, Umbertide 12, San Martino di Lupari 10, Battipaglia, Parma e Napoli 8, Torino, Cagliari 6, Vigarano,  Sesto San Giovanni e Orvieto 4

Ilaria Martini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *