Breaking News

Basket, il Famila Schio fermato in casa da Ragusa

Bruciante sconfitta casalinga per il Famila Wuber Schio, ieri sera, al PalaRomare, nuova denominazione del palazzetto scledense. Le arancioni hanno perso, per 69-79, ad opera della Passalacqua Ragusa, che si è dunque aggiudicata il big match del nono turno di Almo nature cup, massimo campionato di basket femminile. Questo primo stop stagionale per le campionesse d’Italia è maturato dopo una gara nervosa e, a tratti, poco convincente. La società del presidente Cestaro scende ora al secondo posto della classifica generale, condiviso proprio con le ragusane.

Ma veniamo ad una breve cronaca dell’incontro. In avvio di gara, Mendez schiera Yacoubou, Gatti, Anderson, Walker e Macchi, mentre coach Molino risponde con Consolini, Gorini, Erkic, Little e Brunson. Il Famila parte con un fulminieo 4-0 di Anderson e di Walker. La Passalacqua, però, pareggia subito i conti, 4-4. A metà frazione, con il piazzato di Consolini, le aquile mettono la testa avanti, 8-10. Anderson, però, firma subito il controsorpasso, 11-10. Ma, grazie ad una Micovic ispirata e alla concretezza di Erkic, le biancoverdi chiudono il quarto avanti di 4, 15-19.

Ripreso il gioco, dopo la mini pausa, alle arancioni servono solo un paio di minuti per tornare in vantaggio, 21-22. Le aquile iniziano a macinare gioco, spiegano le ali e volano a +11, 21-32. Il Famila, con determinazione, risale fino a -2, 37-39, ma la quarta bomba consecutiva di Micovic e l’1/2 in lunetta di Little permettono alle ragusane di andare alla pausa lunga sul 40-43.

Alla ripresa delle ostilità, le siciliane arrancano contro la coriacea difesa a zona di Schio, così le scledensi passano in vantaggio, 48-47. La festa delle padrone di casa è di breve durata, infatti, dopo il time out chiesto da Molino, il gioco fluido delle biancoverdi permette loro di accumulare un vantaggio consistente, 50-59. Il Famila prova a contrastare l’esuberanza delle ospiti e, sul finire del quarto, accorcia il ritardo, 54-59.

Gli ultimi dieci minuti della contesa sono infuocati. I 1.800 spettatori del palazzetto, compreso uno sparuto gruppo di tifosi siciliani, sono esaltati dallo spettacolo offerto dalle due squadre in campo. Schio impatta, 63-63. Dopo un paio di minuti, il tabellone è ancora in equilibrio, 65-65. Gorini e Micovic sbloccano la situazione, 65-70. Le padrone di casa perdono lucidità. Gatti e Macchi sono costrette ad abbandonare il parquet, a causa del raggiunto limite di falli. La Passalacqua, allora, ne approfitta per bucare la retina con Little, Micovic e Consolini, che costruiscono il +10 finale, 69-79.

SCHIO: Yacoubou 14, Gatti 7, Sottana 2, Battisodo ne, Anderson 18, Masciadri 7, Walker 6, Zandalasini, Ress ne, Macchi 15, Bestagno

RAGUSA: Consolini 15, Gorini 5, Valerio, Erkic 2, Ngo Ndjock ne, Gonzalez 1, Nadalin 6, Little 21, Brunson 12, Micovic 17

Ecco gli altri risultati:

  • Venezia – Battipaglia 80-73
  • Orvieto – Vigarano 62-69
  • Cagliari – Umbertide 59-74
  • Lucca – San Martino di Lupari 74-57
  • Napoli – Torino 71-58
  • Parma – Sesto San Giovanni 67-59

CLASSIFICA: Lucca 18, Ragusa e Schio 16, Venezia 14, Umbertide 12, San Martino di Lupari 10, Parma 8, Napoli, Battipaglia, Cagliari e Torino 6, Orvieto e 4, Sesto San Giovanni e Vigarano 2

Ilaria Martini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *