Breaking News

Zaia: “Il ponte di Bassano sia monumento nazionale”

“Faccio appello a tutti i parlamentari veneti, e vicentini in particolare, perché facciano squadra e si impegnino perché il parlamento riconosca il Ponte di Bassano monumento nazionale. Invito i rappresentanti veneti alle Camere a superare a ogni forma di personalismo e differenziazione politica per tutelare un simbolo che è patrimonio culturale non solo del Veneto, ma dell’intero Paese”. Il presidente della regione Luca Zaia torna a intervenire in difesa del ponte di legno degli alpini, perché sia riconosciuto, per legge, monumento nazionale.

“Per salvare dal degrado e garantire l’avvio dell’intervento di restauro del Ponte abbiamo fatto tutto il possibile – ricorda Zaia – impegnando un milione e 700 mila euro di risorse proprie del bilancio regionale sollecitando dell’impegno di donatori e sponsor privati e ottenendo dal Ministro per i beni culturali che il Ponte degli Alpini, nell’anno del centenario della Grande Guerra, fosse inserito nel piano strategico biennale dei grandi progetti finanziati dal Ministero. In questo modo siamo riusciti a garantire la copertura di quasi l’80 per cento dei 6 milioni di euro necessari per salvare dal degrado e dagli effetti del tempo il ponte ligneo palladiano”.

“Ma il Ponte appartiene alla storia e all’identità del nostro paese e merita di entrare nell’elenco dei ‘monumenti nazionali’, come la Basilica Palladiana, a garanzia di tutela, valorizzazione e in omaggio alla sua storia secolare. Mi auguro che il Parlamento sappia dimostrare la stessa attenzione e sensibilità che il ministro e la regione hanno riservato a questo capolavoro, opera dal più grande architetto veneto e teatro di pagine uniche della nostra storia”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *