Breaking News
Pfas, procedono i lavori sugli acquedotti

Villaga, nuovo serbatoio idrico a San Donato

Investimento di 155 mila euro per potenziare l’acquedotto di Villaga. Sono infatti iniziati i lavori che porteranno alla realizzazione del nuovo serbatoio a San Donato. La sostituzione dell’attuale complesso, che ha una vasca di dieci metri cubi e una cisterna provvisoria, con il nuovo impianto, dotato di due vasche, per un volume complessivo di sessanta metri cubi, permetterà di migliorare la regolarità della fornitura alle utenze, a valle dell’omonima frazione, e di ridurre al minimo la necessità di interrompere il servizio in caso di lavori.

Il progetto, di Acque vicentine, prevede la costruzione del nuovo serbatoio nelle vicinanze dell’attuale impianto. Per limitare l’impatto ambientale, la struttura sarà seminterrata e, come detto, prevede due vasche parallele speculari, del volume di trenta metri cubi ciascuna, che potranno funzionare in modo indipendente l’una dall’altra. Questo garantirà l’autonomia del servizio anche durante gli interventi di manutenzione. Per un migliore inserimento nel paesaggio si è scelto un luogo con limitata presenza di vegetazione boschiva e, soprattutto, privo di alberi da frutto, che sono invece presenti nel resto dell’area.

Particolare attenzione, inoltre, è stata prestata alle soluzioni progettuali. I rivestimenti esterni verranno infatti realizzati con pietre a vista. Il progetto prevede anche la posa delle necessarie condotte per il collegamento alle strutture e alla rete di distribuzione esistente. Per tutta la durata dell’intervento, che dovrebbe concludersi a febbraio 2016, l’attuale impianto continuerà a funzionare in modo da limitare le interruzioni del servizio alle sole fasi finali del passaggio dal vecchio al nuovo serbatoio.

“Nei periodi di maggior consumo – ha sottolineato il presidente di Acque vicentine, Angelo Guzzo – l’impianto oggi in uso non riesce ad assicurare una sufficiente autonomia. Con questo investimento daremo risposta a tanti abitanti di Villaga, ai quali sarà garantito un servizio più efficiente, grazie ad una struttura più funzionale e con una maggiore capacità di accumulo. Proseguiamo così il miglioramento complessivo del sistema idrico del territorio, grazie alle risorse che gli utenti pagano con le bollette, e secondo le priorità che i sindaci indicano per i propri comuni”.

“Fin dalla sua realizzazione – ha spiegato il sindaco di Villaga, Eugenio Gonzato -, l’attuale sistema ha presentato qualche problema, dato che era l’ultimo ramo di un lunghissimo acquedotto che partiva dalla valle di Fimon e considerato anche il continuo aumento del consumo.  Ora si sta trovando una soluzione, anche grazie alla disponibilità del proprietario del terreno interessato dai lavori. Le future estati saranno così meno ‘aride’ e i residenti della zona potranno gustare, senza interruzioni, la nostra buona acqua”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *