lunedì , 17 Maggio 2021
Scuola, nuovi indirizzi anche green in Veneto

Vicenza, 300 mila euro destinati alle scuole

Trecentomila euro per riqualificare dodici edifici scolastici di Vicenza. È questa la cifra che la giunta e il consiglio comunale del capoluogo hanno destinato al bilancio partecipativo che, per il primo anno sperimentale, sarà assegnata per intero al miglioramento di alcune scuole della città. L’annuncio è stato dato questa mattina dagli assessori alla partecipazione, Annamaria Cordova, alla cura urbana, Cristina Balbi e alla formazione, Umberto Nicolai. I lavori, che saranno realizzati durante l’estate 2016, sono di diversa natura.

Gli interventi potranno riguardare, ad esempio, le attività sportive degli studenti, come il rifacimento della pista di atletica e della pedana del salto in lungo (scuole secondarie di primo grado G. Ghirotti, Trissino e Scamozzi), o, più in generale, la manutenzione degli spazi verdi attorno agli edifici (scuole secondarie di primo grado G Ghirotti, e O. Calderari, scuola primaria V. Da Feltre). Per altre strutture, invece, le opere di riqualificazione si tradurranno in un adeguamento alla normativa in materia di sicurezza (scuola dell’infanzia San Francesco) o nell’abbattimento delle barriere architettoniche, come alla scuola secondaria di primo grado D. Carta, dove verrà installata una piattaforma elevatrice, che collegherà i quattro livelli dell’edificio. In questa pagina è disponibile una lista completa degli interventi in programma.

“Il progetto – ha precisato Annamaria Cordova – nasce nel 2015 e per il primo anno, considerato sperimentale, si è deciso di destinare l’intera somma per le scuole. Abbiamo incontrato i dirigenti scolastici e i comitati genitori, che ci hanno fatto proposte, in alcuni casi, accompagnate da veri e propri progetti. L’elenco degli interventi è stato approvato dalla giunta comunale”.

“L’investimento di 300 mila euro a favore delle scuole – ha spiegato Umberto Nicolai – integra la cifra di un milione e 100 mila euro che ogni anno viene stanziata per lavori agli edifici scolastici della città e che corrisponde al 20-25% del bilancio comunale annuale. Gli interventi approvati oggi, che rappresentano il 90% delle richieste ricevute, sono un grande aiuto per le scuole. Non abbiamo potuto rispondere a tutti, ma sono state fatte delle scelte per risolvere le problematiche più diverse”.

“Questo denaro – ha concluso Cristina Balbi – ci ha consentito di dare risposte a richieste che non potevano essere inserite nelle manutenzioni straordinarie standard. Alcune proposte dei dirigenti scolastici, che non rientrano in questo progetto, sono state accolte e verranno eseguite con altre somme. Altre, invece, sono state per il momento accantonate, perché richiedevano spese ingenti o tempi lunghi di progettazione. Gli interventi per ora non accolti, verranno catalogati e saranno presi in considerazione nell’ambito della prossima programmazione. Ringrazio presidi e comitati genitori che hanno messo insieme un sistema di sussidiarietà aiutandoci a completare la progettazione”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità