Valdagno, si proietta “Fango e gloria” a Villa Serena

Anche a Valdagno si celebrano i cento anni della Grande Guerra. Alle 15.30 di domani, il centro servizi sociali Villa Serena, fungerà da sala cinematografica per la proiezione guidata della pellicola Fango e gloria. Questa iniziativa interessa oltre trecento case di riposo nella nostra regione e rientra nel progetto di diffusione delle iniziative legate alla memoria della Prima guerra mondiale, coordinato dalla Regione Veneto.

L’opera, prodotta da Baires in collaborazione con l’istituto Luce-Cinecittà è stata presentata 71esima Mostra del cinema di Venezia. La pellicola ha la forma di un docufilm ed è andata in onda, in prima serata, sui Rai uno, il 24 maggio di quest’anno, per commemorare i cento anni dell’entrata in guerra dell’Italia nella Prima guerra mondiale il 24 maggio 1915.

“Questo film – ha spiegato l’assessore alla cultura e spettacolo della regione, Cristiano Corazzari – offre una chiave di lettura privilegiata per indagare momenti e passaggi cruciali del secolo scorso. Fra le varie iniziative legate al centenario della Grande guerra, la Regione del Veneto  ha  inserito la presentazione del  film Fango e Gloria in tutto il  nostro territorio, con l’auspicio che le generazioni  si incontrino e condividano  questo patrimonio di memoria e conoscenza”.

A sviluppare questa declinazione del progetto si è impegnata l’Unione regionale istituzioni e iniziative pubbliche e private di assistenza agli anziani (Uripa), l’associazione maggiormente rappresentativa dei 365 centri di servizio che, in Veneto, ospitano più di 30 mila persone anziane in condizione di auto e non autosufficienza.“I nostri centri – ha spiegato il presidente di Uripa, Roberto Volpe – ospitano molti dei figli e dei nipoti di quegli eroi che hanno combattuto per la difesa della patria nella Prima guerra mondiale, di cui stiamo celebrando il centenario. La proiezione guidata del film Fango e Gloria è un modo semplice ed efficace per ringraziare gli eroi di allora e per donare agli ospiti delle nostre strutture un ricordo del loro vissuto. Vorremmo che questo momento di festa fosse vissuto dai nostri ospiti a fianco dei loro familiari, dei volontari, del personale e di tutti coloro che avranno il piacere di partecipare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità