Breaking News

Nuove colonne di ricarica per auto elettriche

Marostica, Noventa, Thiene e Valdagno avranno nuove colonnine di ricarica per le auto elettriche. Questo è quanto previsto dall’accordo, sottoscritto questa mattina da Confartigianato e dai rappresentanti dei Comuni interessati, che porterà ad un allargamento della rete dei punti di rifornimento, dopo quelli già operativi di Vicenza e di Arzignano e che arricchirà di un nuovo tassello il progetto Futuro Elettrizzante, nato nel 2011 e promosso da Confartigianato Vicenza, per lo sviluppo della mobilità sostenibile. Tra le sue finalità ci sono, appunto, la creazione, assieme ai Comuni, di una rete di punti di rifornimento, ma anche di aree di parcheggio gratuite e di libera circolazione nelle Ztl ai veicoli non inquinanti.

Le colonnine intelligenti Lampionet donate da Confartigianato, che saranno installate tra la fine del 2015 e l’inizio 2016, confluiranno nell’apposita applicazione dedicata. Per usufruire del servizio, basterà registrarsi sul sito www.futuroelettrizzante.it e mandare un sms al numero indicato nel display della presa elettrica per attivarla. 
Come detto, l’installazione delle colonnine è parte di un progetto più organico, portato avanti nella convinzione che il futuro passi dalla mobilità elettrica anche in un’ottica di riduzione delle emissioni in atmosfera e di risparmio energetico. Di seguito una panoramica sugli altri filoni di Futuro elettrizzante.

Il kit Reborn per il retrofit dei veicoli. Il kit Reborn trasforma un veicolo con motore a combustione tradizionale in un’auto elettrica. L’iniziativa prevede anche lo sviluppo di una rete di autofficine specializzate in questa attività di retrofit. La prima vettura per la quale è stato messo a punto il metodo è una Fiat Panda del 2009, che, nata con un propulsore a benzina, dispone oggi di un cuore elettrico, mantenendo tutte le funzionalità e le dotazioni originarie. Il risultato finale è una vettura silenziosa ed economica, che percorre circa 100 km con 2 o 3 euro. Il progetto è piaciuto così tanto che il sottosegretario generale dell’Onu e direttore esecutivo del programma delle Nazioni unite per l’ambiente (Unep), Achim Steiner, e il campione di calcio e ambasciatore Unep Yaya Touré, hanno voluto provarla all’Expo di Milano.

Learning e-mobility plus all’istituto San Gaetano. Si tratta di un progetto cofinanziato dal programma Erasmus+, che ha l’obiettivo di favorire buone pratiche e sviluppo dell’innovazione nell’ambito della formazione professionale, nel comparto dell’autoriparazione e della mobilità sostenibile. Il progetto coinvolge i ragazzi delle classi terze a indirizzo Autoriparazione dell’istituto San Gaetano di Vicenza. Gli studenti, accompagnati dagli imprenditori dei settori interessati, stanno lavorando alla realizzazione di moduli formativi per l’elettromobilità, che siano utili sia alle aziende del comparto, per l’aggiornamento professionale degli operatori, sia ai ragazzi, per avvicinarsi al mondo del lavoro ed appassionarsi alla mobilità sostenibile, anche tramite i kart elettrici che stanno sviluppando. Avviato nel 2014, il progetto chiuderà nell’agosto del 2016 e, il 27 novembre, verrà presentato alla fiera Job orienta, a Verona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *