sabato , 16 Ottobre 2021
Massimo De Francovich e Maximilian Nisi in "Mister Green", di Jeff Baron
Massimo De Francovich e Maximilian Nisi in "Mister Green", di Jeff Baron

Parte la stagione teatrale di Montecchio Maggiore

Parte la nuova stagione di prosa anche a Montecchio Maggiore, al Teatro Sant’Antonio, promossa dall’assessorato comunale alla cultura in collaborazione con Arteven. Sette gli appuntamenti, sia teatrali che musicali, con interpreti importanti della scena italiana. In apertura, il 18 novembre, ci sarà il ritorno, dopo più di vent’anni, di Marco Paolini con “Numero primo”, studio di un nuovo spettacolo nel quale l’attore, attraversando la propria biografia, racconterà il nostro presente, tra contraddizioni e speranze, con l’ironia e l’intelligenza che lo contraddistingue.

Il secondo appuntamento della stagione, il 18 dicembre, è con “Mister Green”, una commedia di Jeff Baron che parla di fedeltà, di sentimenti e di tolleranza, portata in scena da Massimo De Francovich, protagonista del teatro di prosa nazionale per la prima volta a Montecchio, guidato alla regia da Piergiorgio Piccoli. Con l’anno nuovo, sarà la volta di due protagoniste d’eccellenza, entrambe vincitrici di un Premio Ubu, il più importante riconoscimento del teatro italiano: Arianna Scomegna e Maria Paiato, il 17 gennaio, in “Due donne che ballano” presentato in unica regionale a Montecchio Maggiore. E’ la storia di una donna anziana e di un’altra giovane chiamata a farle da badante. Tutte e due schive, energiche, sarcastiche ed eroiche, le due protagoniste riflettono un tema di grande attualità, cioè la solitudine che accompagna il nostro tempo.

Il 6 febbraio sarà di scena la comicità e risate con Forbici&Follia, ricco cast nel quale spiccano i nomi di Roberto Ciufoli, Max Pisu, Nino Formicola, Nini Salerno e Michela Andreozzi. L’ambientazione è una barberia di provincia, tra pettegolezzi e avances del parrucchiere ai clienti maschi e un inaspettato assassinio che va a rompere l’equilibrio della tranquilla cittadina. C’è spazio anche per i grandi classici, come “Il malato immaginario”, di Molière, il 23 febbraio, nell’allestimento di Ugo Chiti con gli attori della compagnia Arca azzurra teatro.

Spazio poi alla musica, per un’unica regionale di grande prestigio. Questo nella serata di “Parole e musica”, il concerto con cui Eugenio Finardi, il 17 marzo, farà una sintesi dei suoi quarant’anni di carriera. Sarà un concerto spettacolo, pensato per i teatri, nel quale proporrà al pubblico i suoi successi e i suoi incontri. A chiudere la stagione teatrale di Montecchio Maggiore, il 31 marzo, è chiamato infine Natalino Balasso con lo spettacolo “Stand up Balasso”, una summa dei monologhi balassiani che tanto lo fanno amare dal pubblico. Rinnovi e nuovi abbonamenti disponibili presso l’Ufficio Cultura del Comune di Montecchio Maggiore. Prevendita biglietti presso la biglietteria del Teatro Sant’Antonio e online su arteven.it e vivaticket.it a partire dalle 15 del 12 novembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità