Meeting Erasmus a Thiene con studenti di 5 nazioni

“Trova il tuo percorso attraverso l’arte”, è questo il titolo del meeting Erasmus ospitato in questi giorni a Thiene. Iniziato ieri, 16 novembre, si concluderà domenica 22 E’ un progetto biennale europeo a cui hanno aderito i licei di Thiene, Rottweil (Germania), Valladolid (Spagna), Jihlava (Repubblica Ceca) e Tampere (Finlandia).  Le classi del liceo “Corradini” che partecipano al progetto, per quest’anno, sono coordinate dallo staff insegnante di riferimento Erasmus, ovvero i docenti Cristina Sperotto, Raffaella Corrà, Paolo Dal Balcon e Andrea Centomo. E’ questo il terzo progetto Erasmus a cui il liceo thienese ha aderito nel corso degli anni. Il tema scelto quest’anno è quello dell’arte, declinato da ogni Paese in modo diverso.

Nei gioni di apertura dell’intensa settimana di scambi, si è inserito oggi anche il saluto dell’amministrazione comunale agli studenti thienesi e ai ventotto giovani ospiti provenienti dalle quattro nazioni. Con i loro insegnanti, sono stati ricevuti nella sala consiliare dal sindaco, Giovanni Casarotto, e dall’assessore alla pubblica istruzione e alla cultura, Maria Gabriella Strinati. “E’ un’iniziativa importante e preziosa – ha commentato il sindaco – che permette ai ragazzi di conoscersi, di dialogare e di crescere con una visione europea dei problemi. Sono i giovani gli autentici cittadini del mondo e alla loro capacità di vivere, progettare e costruire assieme è affidata la nostra scommessa di civiltà e futuro ”.

“Il Liceo Corradini ha proposto un percorso artistico musicale articolato tra Thiene, Venezia e Vicenza – ha spiegato invece la  coordinatrice del progetto, Cristina Sperotto, – con iniziative di laboratorio musicale dal vivo strutturate in collaborazione con l’orchestra Crescere in Musica“. I ragazzi spagnoli, cechi, finlandesi e tedeschi partners del progetto hanno visitato questa mattina Palazzo Cornaggia, dove hanno ascoltato i loro coetanei thienesi eseguire brani di Bottesini, quindi Villa Fabris e la scuola di restauro sulle note di Scarlatti e Vivaldi e infine la Chiesetta del Rosario, dove si è tenuta l’esecuzione del Gloria di Vivaldi. Mercoledì a Venezia visiteranno Palazzo Pisani ed il conservatorio, incontreranno il pianista Massimo Somenzi ed avranno modo di ascoltare un concerto degli allievi del corso accademico di pianoforte. Quindi le visite al Teatro La Fenice ed al Museo della Musica concludendo nella Chiesa di San Maurizio la giornata veneziana.

Giovedì ancora Thiene sarà sede dell’incontro dei ragazzi con il giovane maestro Sergio Gasparella e con il compositore Giovanni Bonato e, a sera, alle 20.30, nel Teatro Comunale, ci sarà il concerto di beneficenza dell’orchestra Crescere in Musica, al cui organico si uniranno anche i ragazzi ospiti, con un repertorio che spazierà da Bartòk a Beethoven, evento inserito anche nella rassegna Santa Cecilia 2015. Giovanni Bonato ha composto, per l’evento, lo spartito  “Aylan” in memoria del bambino morto durante una disperata traversata di profughi siriani in fuga dalla guerra. Il brano è  dedicato a tutte le giovani vittime innocenti e l’’originale composizione, eseguita per la prima volta a Thiene, diventerà l’inno dell’Erasmus e leit motif per una crescita corale ed in musica delle nuove generazioni nel rispetto della dignità di ogni vita umana.

Il concerto di beneficenza di giovedì sera raccoglierà offerte per finanziare borse di studio da devolvere a studenti del Corradini meritevoli e ai suoi migliori talenti musicali. Il soggiorno degli studenti proseguirà poi con una seconda giornata veneziana, venerdì, caratterizzata da viste a  mostre e alla Biennale. Quindi a Thiene, sabato, incontreranno, al mattino, la danzatrice e coreografa thienese Chiara Bortoli, mentre nel pomeriggio si recheranno al Teatro Olimpico e al conservatorio di Vicenza per assistere ad una lezione del maestro Alberto La Rocca sulle relazioni tra musica e arti visive nel primo Novecento. Laboratori, lezioni con approfondimenti, film e prove musicali arricchiranno le giornate degli studenti ospiti.

Dopo questo primo meeting, il progetto proseguirà nel 2016, in Finlandia, sul tema del design, dell’utilizzo creativo del materiale riciclato e della realizzazione di manufatti artistici. Poi, in Repubblica Ceca, sarà la volta del tema della creazione di accessori, gioielli e moda con particolare ispirazione alla eco-art. In Germania invece l’arte protagonista sarà la performance teatrale e infine toccherà alla Spagna dove, attraverso installazioni d’arte, foto, musiche e video clip, l’espressione artistica diventerà voce di denuncia dei nostri tempi. Previsto anche un incontro di valutazione finale, ancora a Tampere, in Finlandia, scuola capofila del progetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità